23 ago 2011

C'è grossa crisi

Le cose van mutando, non ci crederete, forse non ne cogliete i segni perchè per vostra fortuna ne siete al di fuori, eppure inizia il declino della classe media tajana.
Addio a quei bei interventi presso i luoghi del divertimento estivo: quest'anno a malapena abbiamo scambiato le nostre prestazioni con vitto ed alloggio ed addirittura interrompere per qualche giorno la tournèe e correre a casa per mettere al sicuro quei pochi risparmi di anni di duro lavoro, a causa di un bobbolo ottuso che continua a farsi guidare da gente del suo calibro. Un'ora di intrattenimento sulla spiaggia coadiuvato dai miei collaboratori emilio e lele, con attrezzi scenici vari ed emilio avanti incensante tutto intabbarrato negli aurei paramenti e lele spingente la sacra carriola ove sedevo folgorantemente abbigliato e benedicente nella mia veste di santone e poi dieci minuti di intervento negli spettacolini serali sulla sediolina papale dei miei due devoti questuanti.
Ci siam sacrificati per dare una risposta alle crescenti necessità spirituali di questo valoroso bobbolo, per accrescere i devoti alla nostra comunità velletrana e, nell'attesa di futuri lasciti, rimediare qualche spontaneo obolo nelle consulenze personali. Ad essere precisi i due questuanti avevano anche il dovere di sondare le eventuali aspiranti desiderose di sfondare e reclutare le più attrezzate per poter alimentare le nostre riunioni conviviali del lungo inverno.
Nel complesso scarsi risultati, economia su tutti i fronti, merce tracagnotta, de coscia corta, gnappette tipiche della val gina, persone tutte accorte all'euro e per lo più incazzate per i 100 euri spesi in più per essersi prenotate a maggio, rispetto ai last minute così abbondanti quest'anno per poter riempire le strutture, con relativo nocumento sulla qualità del cibo, dell'animazione costretta a risparmiare persino sulla nebbia artificiale (quanto mi son mancati quei bei soffioni nebulosi di una volta che accompagnavano i miei ingressi in scena).
Nel complesso tanta fatica per poi avere anch'io, a fine stagione, una settimana di vacanza quest'anno in sardegna per poter rinverdire i bei tempi andati e poterci ancora  spalmare un po' di creme con la consorte.

Curiosità musicali 12
Pinguino danzerino

04 ago 2011

Non parlare al conducente

- Scusi, ma il 95 non passa più?
- Signò, l'hanno abolito, tanto nun passava mai e siccome stanno restituendo ai cittadini dopo 80 anni quella bella piazza de S. Silvestro hanno rivoluzionato tutto e per piramide c'è er 63 o er 630
- Ma allora pe' villa Borghese?
- Pe villa Borghese prenda puro er 160  ar corso
- Dicaaa, pe monte Savello?
- Pè monte Savello mo' c'è solo l'80, che è corsa rapida, ma deve da sta attenta a nun piallo ar centro se je capita la vettura doppia perchè non c'è il congegno obliterante pe mette er timbro: lo prenna tranquilla davanti o didietro, così può obliterare con calma. 
- Ma l'ha sentito er discorso der premiere, pare che mo' con un discorso je arriesca de sistemà tutto e pensà che fino a ieri je toccava prostituisse, abbacià addirittura la mano a un assassino per il bene del suo amato bobbolo, pare che poi ce saranno anche generose distribuzioni de cellulari senza dovè cambià gestore e che abbia obbligato tutti ad allargà er servizio you and me, aggiungendo una terza persona: you, me and sòreta.