28 apr 2012

L'albo dei centurioni

Era ora, finalmente,  ne so' qualcosa io, quando iniziai l'iter per l'istituzone dell'albo dei commentatori ufficiali, una lotta estenuante contro quel mostro che si chiama burocrazia tajana, il vero cancro che ha inginocchiato il paese dei piccoli mafioncelli. Olio in abbondanza per ungere tutti gli ingranaggi e tanta, tanta cocciutaggine nel voler raggiungere la meta anche al costo di perderci la salute.
Non si capisce perchè si debbano frapporre tanti ostacoli a chi si arrabbatta per creare dal nulla posti di lavoro, sarà perchè nella mentalità del mafioso, tutto si deve ricondurre sotto la cupola del mammasantissima a cui baciare la mano per poi accedere alla professione. 

Un libero cittadino che voglia intraprendere una professione dovrebbe essere obbligato solo all'acquisto di un registratore di cassa fiscale con obbligo di scarico mensile dello stesso presso un qualsiasi ufficio certificatore, per versare IVA, irpef e contributi assicurativi ed invece no, occorrono albi, giuramenti ippocratensi, tariffari, regolamenti, cupole etc, etc. Adesso anche i centurioni avranno i loro ommi de panza che emetteranno regolamenti sulla divisa invernale, quella estiva, gli armamenti  autorizzati, cosa fare in caso di pioggia, orari di presenza, tariffario minimo, etc, etc, tutte cose sparate lì a giustificazione del pizzo dovuto all'ommo e' panza, ma che di certo nesssuno andrà a controllare.
La cosa certa è che da domani, una foto col gladiatore costerà come minimo il doppio, però avrà valore legale.

11 commenti:

Estrella_Marina ha detto...

Sono d'accordo. Invece di incentivare chi ha creatività, fantasia e forza sufficienti per crearsi qualcosa da sé senza andare a pietire, a elemosinare l'aiuto di uno stato assente, troppo occupato a fare altro dovrebbe essere premiato. Qui invece viene punito, gli fan passare la fantasia.

Ale ha detto...

Ah, che bei tempi quelli del nostro albo! Un saluto, fraticello ^_^

Saamaya ha detto...

La burocrazia, un vero dramma: quasi quanto la cellulite; non me ne parlare!!

nonno enio ha detto...

si arriverà, come si vede nello spot della grecia, ad avere l'accattone che rilascia scontrino fiscale se no va in multa...

giovanotta ha detto...

carin, la foto che avrà valore legale ;)
Fra, te posso dì 'na cosa? non c'è giorno che non leggo di qualche idiozia escogitata dalla mente annebbiata del SindacoDegliAltri (copyright: Arguzia)e rigorosamente smentita il giorno dopo, se non dopo già qualche ora
(la penultima il nazista in Campidoglio, l'ultima la richiesta di un contributo ai sindacati per il Concertone, mai successo in tanti anni)
diciamo che la neve a Roma ha fatto precipitare il già basso livello di stima di cui godeva,
se penso che ce lo dobbiamo sorbire un altro anno mi viene male..
scusa lo sfogo, almeno con te :)
Buon Primo maggio! al concerto o ovunque tu sarai

Emix ha detto...

La burocrazia sarebbe anche utile se solo i burocrati non fossero mostri a due teste con alitosi terminale in entrambe le bocche.

Anonimo ha detto...

io non la voglio, la foto!!!!
SAM

danis ha detto...

Non riesco a commentarti perchè sono più deficiente dei nostri locali amministratori.
Bacio.
danis

Giulio GMDB© ha detto...

Siamo il paese dalla mille regole... e dei 2000 furbi che non le rispetta e fa si che ne vengano create di ulteriori...

fracatz ha detto...

E' sì, purtroppo le migliaia di regole, che le caste hanno creato per mungere le pecore, hanno ingessato il paese bloccando gli imprenditori onesti, che non hanno soldi da buttar via per ungere tutti gli ingranaggi.
Ad esempio ora devi fare la certificazione energetica per vendere casa, perchè non basta l'autocertificazione in cui dici che la casa è un cesso e stà all'ultimo gradino della scala ma devi pagare il certificatore, aumentando così la spesa per il tuo riscaldamento o rinunciando a scaldarti per fine soldi dello stipendio.

@enio ha detto...

non c'è che dire sti romani so er mejo che ce stanno in giro... inventarsi un lavoro, mica è da tutti! lo stato non ci guadagna e alemanno li perseguita... non so come le macchinette magnasoldi dei bar!