23 ott 2014

Signor Serafin


Un omaggio al ricordo di una persona semplice, operosa, un bravo educatore





presente!

9 commenti:

Giulio GMDB© ha detto...

Mi sembra molto attuale...

Sara ha detto...

non ho capito chi omaggi, mica l'allenatore dell'inter per caso?

Bill Lee ha detto...

Sarà che è tardi ma non l'ho capita.
Mi aspetavo un finale sorprendente.

E' quello il bello? Che ti aspetti un finale sorprendente che invece non c'è?
se è così non mi piace.

fracatz ha detto...

Bill diciamo che un educatore che deve intrattenere bambini sognanti, può carpirne l'attenzione ripetendo la storia con tonalità di voce diverse e rallentando o accelerando per meraviglirli gesticolando alla Dario Fo. Se poi alla fine si accorgono della ripetitività, diciamo che la cosa era già stata avvisata per il fatto che nei posti di mare, molto ventosi, c'è gente che sente e che non sente.
L'omaggio è alla memoria di Mario Serafin che credo non sia più tra di noi, visto che io ero bambino quando lui ce la narrava ed io la ricordo

Sara ha detto...

stai diventando troppo colto...io faccio fatica da un bel po'..

Anonimo ha detto...

Che ragazzo favoloso, che ragazzo favoloso, che ragazzo favoloso, che ragazzo favoloso, che ragazzo favoloso, che ragazzo favoloso, che ragazzo favoloso, che ragazzo favoloso, che ragazzo favoloso, che ragazzo favoloso, che ragazzo favoloso, che ragazzo favoloso, che ragazzo favoloso, che ragazzo favoloso, che ragazzo favoloso, che ragazzo favoloso, che ragazzo favoloso, che ragazzo favoloso....

giovanotta ha detto...

sì il testo non è dei più vari, ma ai bambini piccoli può piacere :)
per i bambini grandi, mooolto grandi, non c'è speranza perché continuano a fare gli stessi errori e poi dopo magari piangono (anche se non è sempre colpa loro, non tutti hanno chi gli spiega..)
ciao

nonno enio ha detto...

i ricchi e li potenti tutto possono anche oggi nella nostra italietta

pasquale dimario ha detto...

non voio esse un robbò t.
umano, troppo umano.