18 feb 2016

Modifiche alla riforma elementare

Alla luce dei fatti che purtroppo continuano ad accadere in quanto le persone preposte al controllo risolvono i problemi solamente a chiachiere perché l'immaginifico bobbolo le ama, le apprezza e quindi le desidera, abbiamo riunito il comitato direttivo ed abbiamo aggiunto i seguenti punti alla nostra riforma della scuola elementare.
Si ritorna alle vecchie denominazioni per non generare confusione nelle menti obnubilate del nostro amato bobbolo:
1) Il nido accoglie le creature sino ai 3 anni di età, il personale deve essere femminile e di età massima 35 anni salvo situazioni di esuberi o mancanze di personale dovute alla graduale messa a punto
2) L'asilo accoglie i bambini di 4 e 5 anni di età, il personale deve essere femminile e di età massima 50 anni
3) 1-5 Elementare accoglie bambini dai 6 anni in su con insegnanti femminili ultra cinquantenni che provengono dai 2 cicli precedenti ed anche maschili qualora ci fossero posti vaganti
Capisco che i giusti caporioni del nostro generoso bobbolo, per vari e disparati motivi non si rendono conto che l'età ed il sesso sono elementi discriminanti nel rapportarsi con dei piccoli esseri affacciatisi da poco in questa valle, ma che i loro elettori continuino a rinnovare la fiducia è un vero mistero 
 
 

10 commenti:

Lorenzo ha detto...

Questa linea di pensiero finisce per introdurre l'annosa questione delle classi separate. Pensaci un attimo.

Sara ha detto...

50 anni era il minimo per fare la sibilla di Delfi.

Gianluigi Rizzo ha detto...

Mi sembra un buon inizio. Vabbè che siamo bravi a scrivere quello che non funziona in Italia perché lo troviamo più semplice, ma tu, che non piace avere le spalle protette da un muro sei soggetto a qualche critica. Come tutti i grandi che cercano di fare qualcosa...Ps: Stanno fioccando le prime multe per chi butta le sigarette per terra....mi piacerebbe avere, visto che si pagano di più per via del monopolio, avere almeno nelle piazze dei posaceneri.

Gianluigi Rizzo ha detto...

Mi sembra un buon inizio. Vabbè che siamo bravi a scrivere quello che non funziona in Italia perché lo troviamo più semplice, ma tu, che non piace avere le spalle protette da un muro sei soggetto a qualche critica. Come tutti i grandi che cercano di fare qualcosa...Ps: Stanno fioccando le prime multe per chi butta le sigarette per terra....mi piacerebbe avere, visto che si pagano di più per via del monopolio, avere almeno nelle piazze dei posaceneri.

fracatz ha detto...

è già, sembra facile, i posaceneri, magari mo' co'i sordi delle multe ce comprano i posaceneri, però non di ferro se no i rom se li fregano.
Con NOI, del partito degli under 70.000 tutto ciò non accadrebbe, noi riporteremmo il paese, o meglio la nazione, su uno standard meno penalizzante per i poveri cristi che ogni giorno si alzano all'alba per andare a produrre quel benessere che poi su troppi si ripartisce. Come prima cosa ridurremmo tutte le 80-90mila e passa leggi in vigore sull'ordine delle 5mila degli altri stati occidentali dove gli avvocati sono un decimo dei nostri, poi passeremmo agli ordinamenti comunali troppo penalizzanti per i mortidifame e discriminanti rispetto a coloro che oltre a mortidifame risultano anche nullatenenti, come i rom, i senza dimora, i fantasmi, obbligando i comuni a emanare regole solo se in grado di far pagare anche i senza fissa dimora, insomma se un migrante butta la cicca in terra ed il vigile evita di fare la multa allora non deve farla neanche al povero morto di fame padre di famiglia. oppure il comune si deve far obbligo di prendere i trasgressori e portarli in campi lavoro fino al ripagamento della multa, lo stesso vale per chi viaggia gratis sui mezzi pubblici, dove il mortodifame si becca la multa ed il rom viene invitato a scendere. Oggi è il mortodifame l'unico ad essere penalizzato e l'unico a popolare le patrie galere
(per i campi lavoro, vedere la tag riforme)

Il Vetraio ha detto...

Per un bambino è importante iniziare la sua vita sessuale con una tardona con funzioni da nave scuola!
Appoggio il progetto.

Gianluigi Rizzo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Gianluigi Rizzo ha detto...

Buona giornata Fracatz...ben gli sta.

Gianluigi Rizzo ha detto...

Buona giornata Fracatz...ben gli sta.

@enio ha detto...

l'importante dovrebbe essere l'insegnamento del pupetto e per questo ci vuole esperienza e buona volonta'... insegnare non è un mestiere facile ci vuole preparazione e questa la si acquista col tempo