01 dic 2016

Play list 3 2016

Il tempo corre, vola, passati gli anta, i giorni si rincorrono per nostra fortuna sempre uguali e siamo ormai in autunno inoltrato, è  quindi giunto il tempo di rilasciare almeno la terza play list di questo anno che spero continui ad essere magnifico per tutti voi che mi leggete nonostante sia stato così avaro di motivetti orecchiabili. Non crediate che me ne esco così con la solita play list perché non avevo un cazzo di nuovo da raccontarvi, con tutti i preparativi in corso per scendere in campo con i nostri sindaci del partito degli under 70.000 a sostegno del referendum, le tonnellate di calamari fritti con olio di palma per i nostri amati sostenitori in terronia, le scuse da accettare dal bianco padre, i coming out da prendere in esame, le grandi riforme innovative, la spending review ed il piano bombardamenti dei soliti nemici  che sto approntando per il comando. Ore ed ore di ascolti per poter scegliere per voi il meglio per farvi compagnia nei vostri brevi spostamenti, ma anche nei vostri viaggi, per tirarvi su il morale nei momenti grigi, a volte bui che vi passa il vostro misero stato di consumatori. Non potevo non tirare giù qualcosa per potervi aiutare almeno  a soppportare questo logorante accorciamento delle giornate .    Mp3 files for aficionados, as usual.


  1)  Red Hot Chili Peppers  Dark Necessities 
  2)  D J Snake                    Let me love you
  3)  Alvaro Soler                  Libre
  4)  LP                               Lost on you
  5)  Justin Bieber                Love yourself     -
  6)  Negramaro                   Tutto qui accade
  7)  Zucchero                     Voci
  8)  Charlie Puth                 We don't talk anymore
  9)  Major Lazer                 Cold water
10)  Calvin Harris                This is What You Came For
11)  Tiromancino                 Tra di noi
12)  Shawn Mendes            Treat You Better
13)  Zero Assoluto               Eterni
14)  Raphael Gualazzi         L'estate di John Wayne
15)  Bastille                        Good Grief

Questo ascolto di musica è l'unico che ti connette con il tuo Sè, approfittane

10 commenti:

S. ha detto...

non mi piace propriamente tutto.
Escludo negramagro, preferisco il vino.
bibier è per gli adolescenti con gli ormoni a mille.
zero assoluto sono come dicono zero.
Gualazzi direi interessante, ma ripetitivo.
VInce LP, come fischia lei...
;)

Gianluigi Rizzo ha detto...

Piace molto lu mieru, piace anche un grande della musica come Giuliano. Per il resto, visto che sono tutti degli artisti e gli artisti non tutti lo sanno fare nel nostro meravigliao mondo...tutti bravi anche se non è la mia musica che ascolto. Tu non sei un artista sior tenente? Si può anche non condividere quasi niente del tuo pensiero, ma rimani sempre un artista, quindi il mio rispetto.

fracatz ha detto...

vabbè, ho dovuto farlo, nonostante avessi specificato che quest'anno è stato avaro in motivetti orecchiabili, d'altronde questo è un blog che dà un servizio e la mia musica è essenziale per potervi riconnettere col vostro sé. Ho messo zucchero ma solo per un pezzetto del brano ed anche gli altri si salvano per qualche passaggio, esclusi i negramaro, ma con quel pezzetto di zucchero vanno giù anche loro

Mariella ha detto...

I RHCP non li batte nessuno.
Non saranno in cima alla play list per caso.

Gianluigi Rizzo ha detto...

Mah? Io non conosco sti RHCP, però ieri incontrando un ragazzo ho chiesto a lui se fosse libero. Lui mi ha detto che stava facendo un corso Haccp che lo impegnava fino ai primi di febbraio con un contributo che si aggirava a 1300 euro. Non aveva intenzione di perdere il tesoretto, quindi RHCP o Haccp in Italia non li batte nessuno.

happysummers ha detto...

Ehm... non è che conosca tanto bene, diciamo così, le canzoni di tutti nei nomi che hai elencato... Tra loro mi piace molto Zucchero, perché è... dolcissimo :D

happysummers ha detto...

Ma perché ti piace così poco la musica italiana? :D

fracatz ha detto...

quest'anno zero musica italiana e gualazzi nel pezzo è troppo ripetitivo è chiaro che ormai è difficile scrivere un buon pezzo senza rubare nulla a tutti i capolavori già scritti, però una quindicina di brani li devi mettere nella play list per accompagnartici negli spostamenti sui mezzi pubblici dove è sempre più difficile riconnetterti col proprio sé, specialmente qui a roma dove sono stati dimezzati

Gianluigi Rizzo ha detto...

Ho pensato (ma meglio non pensare di questi tempi) che saresti uscito con un'altra edizione straordinaria.

fracatz ha detto...

uscirò, uscirò non appena trovo tempo