17 ott 2013

Vergognatevi

Vergogna, dovreste vergognarvi, anche se siete minatori del Sulcis in cassa integrazione, ma perchè poi i minatori?
Ma perchè io l'ho conosciuto un minatore in quella terra generosa, uno che con quel pane nero ha tirato avanti moglie ed i soliti 5 figli, di cui poi quattro emigrati, in continente, in Belgio, in Francia. Altri tempi, ancora si emigrava per fare all'estero quei lavori che i residenti rifiutavano di fare, ma oggi? E' ancora possibile emigrare per sopravvivere? Eppure lo vediamo in tutti i reportage che se i lavori fossero retribuiti come da legge, allora non ci sarebbe più lavoro per tutti questi clandestini neri, pagati in nero 25 euri al giorno, però poi le derrate alimentari di certo costerebbero molto di più nei mercati ed i lavoratori in regola dovrebbero mangiare solo mezza mela a pasto, ma di questo non sono tanto sicuro, bisognerebbe provarlo, ristabilire la legalità tagliando le mani agli sfruttatori e vedere cosa accade nei mercati, anche questo però  mi pare impossibile, visto che sono gli sfruttatori al comando della giostra.  Insomma, non vedo via di soluzioni, pertanto basterà unirsi al coro e gridare indignati:                  
                             "Vergogna"!
 E già che ci sono, vergogna anche di definire una casa signorile se con reddito catastale di 750 euri, capisco che voi, rappresentanti dei poveri  
vivete tutti nei centri storici in proprietà od in affitto nelle case degli enti benefici tipo propaganda fide e che tutti i vostri attici hanno rendite inferiori ai 500 euri, invece per i morti di fame del bobbolo, che vi sostengono, 750 euri rappresentano un 70 mq al piano terra di un palazzo della Magliana, quartiere noto anche all'estero, ma con vivibilità da terzo mondo: niente niente ce fate o ce sete? 
Certo che ve potete permette questo ed altro con tutto il coro che vi circonda, tutta sta lagna giornaliera, sti indurti, ste amnistie, ste indurgenze plenarie ai buoni, l'alitaglia, l'influenza de balotello, prieckkete, ssti litiggi continui alla luce der sole per poi tutte le notti continuà a rubbà compatti ed imperterriti, tanto er bobbolo se accontenta, nonostante ormai sia sempre più accerchiato da poveri esseri invisibili nella loro pelle scura, che si aggirano tutto il giorno trascinandosi il loro carrellino, i recuperanti, pronti a raccattare tutto il raccattabile.
Non credo questa storia sia servita a farvi capire che non occorrono gli F35 per difendere un territorio e che ormai si possono vincere guerre e conquistare territori con misere carrette scarcagnate, son sicuro che continuerete ad esportare la vostra civiltà come avete fatto in Iraq, Libia, Libano, tra poco in Siria, anche se le donne di quei luoghi continuano ad  andare in giro mascherate e ne sono orgogliose.
Vergognatevi, o almeno, sentitevi un pochino in colpa, almeno almeno fino alla prossima scuffiata o schettinata, ve lo ordinano i vostri caporioni.

n.d.r.  Ho voluto rafforzare i concetti usando forme dialettali, per essere meglio compreso dal nostro amato bobbolo che come ben sapete è ultimo in classifica per dialettica e per la tanto amata matematica, grazie alla quale invece, ho potuto da sempre sostentarmi

27 commenti:

marcell_o ha detto...

carrelli colmi di oggetti rubati dai cassonetti?
oggetti rubati dai cassonetti?
si paragonano i vandali ai poveracci che frugano nei cassonetti?
mio dio perché ci hai abbandonato?
(come diceva il biondino)
comunque resto sempre dell'idea che dovremmo estinguerci (anche con le cattive: tipo guerra dei mondi o peste nera), non come italiani, proprio come specie, lasciando la terra a sé stessa, in pochi milioni di anni sparirebbero le nostre tracce...
oensa che bello: ti capita un ufo e trova il paradiso, mica come ora che capita un ufo e subito (sulle cartine intergalattiche) mettono il divieto di accesso a 'sto settore dell'universo

Giulio GMDB© ha detto...

Sulla terra siamo troppi: 7 miliardi quando per secoli la popolazione mondiale non superava mai i 500 milioni... Ormai non restano più nemmeno luoghi dove emigrare

Lorenzo ha detto...

A nessuno interessa una fava dei "poveri".

La immigrazione è usata come uno strumento per scardinare la società "tradizionale".

Ed è ovvia una convergenza di interessi tra chi vive nel sogno di una società "collettivista", fondata sulla abolizione della proprietà privata e chi vuole la gente privata di punti di riferimento e capacità di aggregazione attorno ad una identità, in modo da poterla meglio controllare e sfruttare.

Ideuzza banale: coi soldi che si spendono per mandare le navi della Marina, elicotteri eccetera, a recuperare i "migranti" in mare, si potrebbe sfamare mezza Somalia. Allo stesso modo il "migrante" che paga migliaia di euro solo per l'ultima tratta sul "barcone", con gli stessi soldi a casa sua potrebbe comprare non una bistecca ma una mandria di mucche, da cui i migranti non sono ne poveri ne profughi nel loro paese. Ma come la signora Kyenge, sono benestanti.

Inoltre, mi piacerebbe sapere perché se un kazako viene in Italia gli si chiede passaporto e visto mentre se viene un somalo gli si dà la cittadinanza onoraria. Perché il Somalo è nero e il kazako no?

fracatz ha detto...

il fatto è che i vandali rubano discendenti in rame, altalene dei bambini e buttano questa robba nei cassonetti, per cui poi la colpa è data ai recuperanti.
Sembra poi che gli arrivi con i barconi siano circa un 10% di tutti gli arrivi, quindi non conviene nemmeno qualche mitragliata a scopo dissuasivo, anche se con una mitragliata ci sarebbero scappati una decina di morti che sono niente in confronto ai naufragi ed allo sfruttamento di questi maledetti organizzatori del traffico.
Per il tutto poi, visto che siamo a 7 miliardi, occorrerebbe un continuo bombardamento delle zone più calde con scatole di preservativi

stefanover ha detto...

ce ne sarebbe da dire... da urlare... e da piangere... sulla casta !

Primo Junior ha detto...

Certo che in futuro si parlerà e si scriverà di questi anni che stiamo vivendo in piena confusione come degli anni che l'umanità non è riuscita a prendere il suo destino. Una confusione dove siamo soggetti a sbagliare chi più e chi meno in situazioni diverse. Confusione dove il nostro paese viene affidato, prima a tecnici per poi mettere anche i saggi, come se un sistema democratico che funzioni perfettamente non sia in grado di risolvere tutti i problemi. Un sistema democratico...democratico! Il vero problema che non abbiamo più la democrazia in nessuna altra parte del mondo e lo possiamo solamente leggere nelle costituzioni dei numerosi paesi, ma la democrazia non sta più nei loro governi. Molto grave perché l'incapacità di trovare un accordo comune, ma anche l'incapacità di passare all'azione da parte di tutti noi, ci porterà a un crollo di numerosi settori sociali e numerose zone desolate come negli anni 30 del secolo scorso ma molto più drammatica e lunga di quel periodo. I consumi delle famiglie stanno avendo un drastico calo per via delle tasse e dei stipendi sempre più miseri dentro il nostro portafoglio, consumi che ci permettevano il 60% del pil garantendo una boccata d'ossigeno all'economia. Tutto finito come molti di voi scrivono. Si continua a vagare confusi e non più lucidi. E se lo scrive Primo che non ha mai fatto puttanate prima....

Primo Junior ha detto...

Certo che in futuro si parlerà e si scriverà di questi anni che stiamo vivendo in piena confusione come degli anni che l'umanità non è riuscita a prendere il suo destino. Una confusione dove siamo soggetti a sbagliare chi più e chi meno in situazioni diverse. Confusione dove il nostro paese viene affidato, prima a tecnici per poi mettere anche i saggi, come se un sistema democratico che funzioni perfettamente non sia in grado di risolvere tutti i problemi. Un sistema democratico...democratico! Il vero problema che non abbiamo più la democrazia in nessuna altra parte del mondo e lo possiamo solamente leggere nelle costituzioni dei numerosi paesi, ma la democrazia non sta più nei loro governi. Molto grave perché l'incapacità di trovare un accordo comune, ma anche l'incapacità di passare all'azione da parte di tutti noi, ci porterà a un crollo di numerosi settori sociali e numerose zone desolate come negli anni 30 del secolo scorso ma molto più drammatica e lunga di quel periodo. I consumi delle famiglie stanno avendo un drastico calo per via delle tasse e dei stipendi sempre più miseri dentro il nostro portafoglio, consumi che ci permettevano il 60% del pil garantendo una boccata d'ossigeno all'economia. Tutto finito come molti di voi scrivono. Si continua a vagare confusi e non più lucidi. E se lo scrive Primo che non ha mai fatto puttanate prima....

Primo Junior ha detto...

Hai scritto un bel post. Niente da dire. Per fortuna qualcuno rimane lucido. Continua e non mollare.

fracatz ha detto...

Primo, si vede che a palle vuote diventi molto più lucido .
Angh'io purtroppo prima di maritarmi avevo il pensiero offuscato da quel chiodo fisso attorno al quale ruotavano tutti i miei pensieri ed i relativi discorsi, così optai per il remedium concupiscentiae, l'unico concesso ai morti di fame consapevoli della propria triste condizione

Primo Junior ha detto...

Lo penso anch'io, ma non ho il chiodo fisso. Se l'avessi avuto sarei rimasto in città che poi ha la stessa densità di popolazione di un quartiere di Roma. Io scrivo al 99% che permette alla gente intelligente di avere un dubbio. Perché l'1% che può essere infinitamente meraviglioso. Molti studio e ricerche sul nostro dna fatti da scienziati hanno dimostrato che il dna dello scimpanzé è simile a quello dell'uomo per il 97% o 98% ma quella piccola percentuale ci permette a ragionare, parlare e amare. Io vorrei amare il più possibile prima di diventare nutrimento per i vermi...Comunque mio babbo mi diceva sempre di stare sempre con quelli più grandi, ci sarà stato un motivo valido nelle sue convinzioni. Accetto con piacere il tuo consiglio.

Lorenzo ha detto...

Comunque per mitragliare servono due cose, un bersaglio e l'intenzione.

Noi non abbiamo nessuna delle due cose, perché la gente si beve la frottola del povero profugo che fa 5000 km a piedi senza un soldo in tasca e la frottola della migrazione come fenomeno naturale, tipo migrazione delle anatre. Inoltre come scrivevo altrove siamo in piena controriforma della sinistra per cui il "terzomondismo" irrazionale impazza.

Esiste una organizzazione che gestisce lo spostamento delle persone. Esistono degli interessi, esistono dei burattinai e tante altre belle cose. Più in basso è la stessa cosa dei "pirati" che tradizionalmente si eliminano andando a radere al suolo le loro piazzeforti. Ma noi siamo capaci solo di "missioni di pace" e solo a comando, cioè quando il padrone suona il campanello.

pasqualedimario ha detto...

avecce tempo, consiglio un mast' della commedia spagnola demenziale ( ma non troppo ). sia in lingua originale sia ora tradotto in italiano. la creazione si fa con gli scarti per torrente. josè luis torrente. http://www.youtube.com/watch?v=615lFJf5t1M

Sara ha detto...

hai scritto un post bellissimo e autentico.

Primo Junior ha detto...

Ragazzi che luna, sembra il sole. Per un attimo ho pensato di aver dormito più di 4 ore. Favolosa!!!!! Bisognerebbe lottare per questo. Ehi, buona giornata...

Anonimo ha detto...


E' ora di svegliare questo popolo di ignoranti tele-rincoglioniti.

Documentario (14 min.) "LA REPUBBLICA FONDATA SULL'IMPUNITA' "


http://www.youtube.com/watch?v=rEPJ5x6hW8o

(come la classe dirigente più vecchia e corrotta dell'occidente ha gradualmente demolito una nazione nell'arco di 20 anni per garantirsi l'impunità)

Se vi piace potete contribuire a diffonderlo

demagogolo.blogspot.it ha detto...

Ma guardate la faccia di Calderoli... sul serio, come ha fatto a diventare ministro?

Silver Silvan ha detto...

Scoreggiando. In Italia si diventa ministri così.

nonno enio ha detto...

gli immigrati hanno un solo scopo, conquistare l'occidente vecchio e ex industrializzato e vincere quella battaglia che persero ai tempi delle crociate. Fra quindici, 20 anni saremo tutti beduini o dovremo adattarci...

Primo Junior ha detto...

Io a questo punto preferisco avere le palle piene. Non voglio scrivere niente , no no no!! Anzi esco e vado a mare m'pico sotto il ponte del Ciolo. Anzi, mi sbottono la cerniera e m'pico anche la ciola mia.

Primo Junior ha detto...

Io a questo punto preferisco avere le palle piene. Non voglio scrivere niente , no no no!! Anzi esco e vado a mare m'pico sotto il ponte del Ciolo. Anzi, mi sbottono la cerniera e m'pico anche la ciola mia.

Lorenzo ha detto...

@ Enio:
Le Crociate le hanno vinte, non perse, i "fratelli musulmani" di Vendola.

Premessa: l'imperatore di Bisanzio, in quanto impeatore dell'impero romano d'oriente, scrive all'imperatore romano d'occidente, cioè al Papa, perché gli mandi degli eserciti in soccorso, essendo i possedimenti africani e medioorientali ormai persi causa invasione araba.

La prima crociata: il Papa invita i re e i nobili europei ad organizzare una armata per andare in soccorso dei Bizantini, di cui si sapeva solo che erano cristiani e possibilmente per riprendere il controllo dei luoghi santi. La crociata capita a fagiolo per tante ragioni, serve per fare sfogare la nobiltà germanica manesca e irrequieta e serve per dare delle chance di carriera a tutti i figli cadetti. L'armata cristiana parte, tra mille difficoltà e seguendo rotte e strade di cui si era persa memoria dopo il collasso dell'impero romano d'occidente.

Arrivo in medio oriente: quando gli europei arrivano nell'impero bizantino rimangono interdetti perché non si parla latino ma greco e perché si professa un cristianesimo un po' diverso, quello ortodosso. Sorge subito un problema, i nobili europei non riconoscono altra autorità che quella del proprio feudatario e del re, l'impero romano è un concetto estraneo. Quindi coi Bizantini non vanno d'accordo e appare subito ovvio che se riusciranno a conquistare qualcosa, se la terranno per se.

La conquista della terra santa: I primi crociati erano praticamente superuomini. Non solo compirono l'impresa logisticamente impossibile di spostare uomini, cavalli, armi e vettovaglie dall'altra parte del medieterraneo ma riuscirono anche a sconfiggere gli Arabi su un terreno sconosciuto e molto diverso dai boschi europei. Attraverso varie vicessitudini vengono creati dei regni indipendenti.

Il problema logistico: gli Europei in terra santa non hanno amici, solo nemici. E possono contare solo sui rifornimenti di uomini e materiali che gli arrivano dall'Europa per nave. Una specie di "ponte aereo" ante-litteram. L'Europa a quel tempo non ha le risorse materiali e tecniche per sostenere un impegno del genere. Le piazzaforti cristiane si trovano nella stessa condizione degli avamposti americani in Vietnam, circondate e rifornite con molta difficoltà. Ad una ad una finiscono per cadere. Gerusalemme viene definitivamente perduta e alla fine tutti i regni crociati vengono riconquistati dagli Arabi. Agli Arabi succedono o Turchi ottomani che prenderanno Costantinopoli più o meno mentre Colombo scopre l'America, per poi espandersi in Europa islamizzando con la spada tutto l'est fino a Vienna.

Lorenzo ha detto...

Le due date che convenzionalmente stabiliscono l'inversione della marea che respinge l'espansionismo arabo-ottomano sono la battaglia di Vienna:
"- 30 000 polacchi;
- 18 500 austriaci e italiani (toscani, veneziani e mantovani), al comando di Carlo V duca di Lorena;
- 19 000 franconi, svevi e bavaresi, al comando di Giorgio Federico di Waldeck;
- 9 000 sassoni, al comando di Giovanni Giorgio III di Sassonia."

e la battaglia di Lepanto:
"Il centro dello schieramento cristiano cattolico si componeva di 28 galee e 2 galeazze veneziane, 15 galee spagnole e napoletane, 8 galee genovesi, 7 galee toscane sotto le insegne pontificie, 3 maltesi, 1 sabauda, per un totale di 62 galee e 2 galeazze. Lo comandava Don Giovanni d'Austria Comandante generale dell'imponente flotta cristiana: ventiquattrenne figlio illegittimo del defunto Imperatore Carlo V e fratellastro del regnante Filippo II aveva già dato ottima prova di sé nel 1568 contro i pirati barbareschi. Con lui a bordo Francesco Maria II della Rovere - figlio ed erede del Duca Guidobaldo II della Rovere - Capitano generale degli oltre 2.000 soldati volontari provenienti dal Ducato d'Urbino. Per ragioni di prestigio affiancavano la galea Real spagnola: la Capitana di Sebastiano Venier, settantacinquenne Capitano generale veneziano, la Capitana di Sua Santità di Marcantonio Colonna, trentaseienne ammiraglio pontificio, la Capitana di Ettore Spinola, Capitano generale genovese, la Capitana di Andrea Provana di Leinì, Capitano generale piemontese, l'ammiraglia Vittoria del priore Piero Giustiniani, Capitano generale dei Cavalieri di Malta.

Il corno sinistro si componeva di 40 galee e 2 galeazze veneziane, 10 galee spagnole e napoletane, 2 galee toscane sotto le insegne pontificie, e 1 genovese, per un totale di 53 galee e 2 galeazze al comando del provveditore generale Agostino Barbarigo, ammiraglio veneziano (da non confondere con l'omonimo doge veneziano).

Il corno destro era invece composto di 25 galee e 2 galeazze veneziane, 16 galee genovesi, 8 galee spagnole e siciliane, 2 sabaude e 2 toscane sotto le insegne pontificie, per un totale di 53 galee e 2 galeazze, tenute dal genovese Gianandrea Doria.

Le spalle dello schieramento erano coperte dalle 30 galee di Alvaro de Bazan di Santa Cruz: 13 spagnole e napoletane, 12 veneziane, 3 toscane sotto le insegne pontificie, 2 genovesi. L'avanguardia, guidata da Juan de Cardona si componeva di 8 galee: 4 siciliane e 4 veneziane."

Per capire lo spirito della cosa:
"Quando i legni giunsero a tiro di cannone i cristiani ammainarono tutte le loro bandiere e Don Giovanni innalzò lo Stendardo di Lepanto con l'immagine del Redentore Crocifisso. Una croce venne levata su ogni galea e i combattenti ricevettero l'assoluzione secondo l'indulgenza concessa da Pio V per la crociata."

"L’annunzio della vittoria giungerà a Roma ventitré giorni dopo, portata da messaggeri del Principe Colonna. La vittoria fu attribuita all'intercessione della Vergine Maria, tanto che Papa Pio V nel 1572 istituì la festa di Santa Maria della Vittoria, successivamente trasformata nella festa del SS. Rosario, per celebrare l'anniversario della storica vittoria ottenuta, si disse, per intercessione dell'augusta Madre del Salvatore, Maria."

Primo Junior ha detto...

A pensare che Cicciolina prende 1800 euro di pensione per I servizi che ha offerto in parlamento. Ps: Lorenzo non hai bisogno di elencare I suoi film...l'abbiamo visti!

Primo Junior ha detto...

A pensare che Cicciolina prende 1800 euro di pensione per I servizi che ha offerto in parlamento. Ps: Lorenzo non hai bisogno di elencare I suoi film...l'abbiamo visti!

Soffio ha detto...

come non darti ragione??

Lorenzo ha detto...

Se hai visto i film di Cicciolina si vede che sei vekkio, i primi mi sa che erano in Super8 e gli ultimi in VHS. E tra l'altro, filmacci da due soldi.

Primo Junior ha detto...

Mi sono formato culturalmente con i fumetti lucifera. Più che vecchio mi puoi chiamare tranquillamente mummia.