4 lug 2024

Alla faccia degli odiatori

Vi ricordate la talea di fico di qualche mese orsono, che aveva ben 7 fichetti per giugno? Allora ne ha conservati 5 di cui il primo in basso lo ho già mangiato e gli altri continuerò a mangiarli man mano che maturano alla facciaccia di chi mi vuol male o mi odia.

A tutti coloro che invece mi voglion bene o addirittura mi amano auguro una buona vacanza, un po' di mare o di monti come aggrada ed a presto risentirci da queste parti.

Ciao  



e mo' come la mettemo




27 giu 2024

L'ascensore s'è rotto

L'ascensore sociale, così caro agli acculturati di Capalbio, s'è rotto, la classe media non esiste più, ora tutto costa caro: fare la spesa, auto, casa, sanità, università, bollette, etc, etc. e raggiungere quelle lauree che poi danno diritto ad una certa attività imprenditoriale autonoma non è più facile per i mortidifame, meglio per loro puntare su quei pochi posti di caporioni politici anche se in quel campo il nepotismo è molto forte.
Analizzando bene la cosa tutto sommato è andata bene così, perché, cosa succedeva con l'ascensore?
Succedeva che la prima generazione del mortodifame faceva tanti sacrifici, si privava di tutto per accumulare benessere da lasciare ai propri figli che avevano cresciuto in gran ristrettezze, la seconda generazione, memore di ciò che aveva vissuto con i sacrifici dei propri genitori, continuava con sacrifici minori ad accumulare benessere, la terza generazione con ricordo di ciò che aveva visto fare ai propri genitori ed ai propri nonni, grazie all'ascensore, si sforzava per non più accrescere il benessere ma almeno mantenerlo cominciando da subito a distribuirlo ai propri figlioli i quali senza dover più aspettare la dipartita dei propri generosi genitori non si alzavano più tanto presto la mattina per andare a produrre ma si mischiavano assieme ai caporioni nei loro usi e costumi, moto, auto, droghette, esportare democrazia, ristoranti, mignotte, viaggi, riuscendo a distruggere tutto il benessere creato dalle 3 generazioni precedenti in quanto egoisticamente, ma fortunatamente, si erano persino rifiutati di crearsi famiglia e figli per non fargli ricominciare la storia ripartendo dal ruolo di mortodifame. 
Quindi mi pare più giusto così, perché ricordo bene come si arrabbattavano i miei cari nonni, meglio per il mortodifame consumarsi egoisticamente quello che produce senza pensare agli eredi e poi sarà quel che sarà e chi vuol il cristo è bene che se lo preghi. 

er bobbolo dimentica presto, oggi invece se rifiuta

20 giu 2024

Intervallo 9

Era tempo di dare spazio ad un intervallo con gli ultimi andamenti delle cose della vita, a dimostrazione che il mondo se ne va secondo le sue voglie, quindi decisamente al contrario, fottendosene del giudizio dei vari acculturati.C'è chi si lamenta per questo, chi per quello e poi ci sono quelli, non necessariamente caporioni, che continuano impeccabili a farsi i cazzi propri per dar contro a coloro che invece si impegnano esclusivamente per il bene dei propri cittadini per riceverne il premio alle tornate elettorali.

Quindi uniamoci umilmente al coro del commissario:


E ringraziamo se qualche caporione poco acculturato condivide i nostri pensieri


Un sentito grazie per i sorrisi regalati ed un pace e pene per tutti meno che ad uno come sempre

intanto nessuno vi allerta dai tanti pulpiti

13 giu 2024

Finalmente

Finalmente le elezioni sono andate, lasciatemi prima ringraziare quelle 4 persone che qui a Roma hanno scritto il mio nome Fracatz sulla scheda, ora  finalmente ci saranno altri argomenti da discutere e programmare con le chiacchiere per dare speranze ai mortidifame.

Avete visto voi quante chiacchiere, quanti bei propositi sono stati esposti alle orecchie dei miseri, quando sarebbe bastato ai caporioni che gestiscono la informazione, mandare in onda, dopo la politica, il pensiero di un qualsiasi matematico, che, conti alla mano, constatati i 3000 miliardi di buffi da ripagare e le attuali uscite per gli interessi annuali sugli stessi, poteva tranquillamente smentire tutte le promesse, tutte le cazzate sparate per obnubilare quel 50% di bobbolo, che ancora corre a compiere il suo dovere civico perché non riesce a capire che senza grana a disposizione non esiste alcuna differenza tra i vari partiti, son tutti uguali e la sanità andrà sempre peggio se non si taglieranno soldi su altre spese pubbliche.

Certamente nessuno dei votanti si è ricordato che negli ultimi tempi i 5 stelle hanno dimezzato il numero dei politicanti, senza che il governo della cosa bubblica ne risentisse e senza pensare che ancora ci sono personaggi/e che riscuotono il benefit come parenti o beneficiati senza neanche andare qualche volta a fare presenza e quindi si potrebbe dimezzare ulteriormente o almeno diminuire il benefit mensile. Altrettanto credo che per la sinistra nessuno ricordi più che il bersy rimise la ICI sulla prima casa tolta in un impeto di populismo dal berlu e solo quella mossa dovrebbe bastare a far cambiare almeno il nome a certi partiti, i cui caporioni  continuano imperterriti a farsi curare nelle migliori cliniche private alla faccia dei mortodifame cui nessuno spiega dalla TV come stanno le cose. 

Che poi, questa volta, l'aumento a sinistra è stato tutto femminile, perché le donne tra loro si odiano e figuriamoci poi se si ricordano il fatto della ICI, che oggi si chiama IMU, così, colmo dei colmi, ho dovuto accompagnare con l'auto la consorte perché lei questa volta non poteva assolutamente rinunciare nonostante le spiegassi l'inutilità del suo voto, ma senza farmi dire per chi fosse, quando invece dovrebbe esser contenta da esser rappresentata da una del suo stesso sesso. 

costui per loro è il parassita che sfrutta i poveri


30 mag 2024

Maggio, ancora una volta

Maggio, il mese della madonna, dei fiori, dei loro profumi, delle lucciole, delle fave cor pecorino in campagna, del rincospermo e poi del gelsomino. Quante volte ho parlato di questo mese in questo blogghe in maniera dolciastra, arruffianata, come se le sue bellezze potessero contrastare tutte le altre cazzate dei caporioni degli umani che con la scusa della globalizzazione e dell'esportazione delle 40 ore settimanali più ferie e tredicesima e quattordicesima con buona uscita e causa di servizio a tutti, anche ai dipendenti privati, l'hanno conficcato profondamente nel didietro di tutti i lavoratori occidentali, eliminando la classe media e riservando il pugnetto di riso giornaliero, proprio quel pugnetto cinese che tanto inorridiva i cervical chick acculturati, a tutti gli attuali lavoratori thajathani di cui ogni anno ne  muoiono almeno 1300 sul posto di lavoro lasciando così spazi ad altri mortidifame.

Così smisi di correr dietro alle lucciole e respirare i profumi dei vari fiori, concentrandomi sulla produzione dei miei missili  che in genere venivano sparati in giugno, ma quest'anno grazie alle novità climatiche sembrerebbero anticipati, però ridotti di numero, perché purtroppo i soldi stan finendo, non si posson più fare opere di bene e così ne ho contati solo 7 di cui uno punta a nord ovest e gli altri 6 tutti a sud, sud est per i nostri amici, quelli che costrinsero er Ponzio, pé l'amici er Pelato, a lavarsene le mani mettendoci così al riparo. Grazie ancora , Ponzio


quanno che questi chiusero bottega un amico di mio padre ce pianse pure

23 mag 2024

Overshoot day

Anche quest'anno abbiamo superato il fatitico giorno nel silenzio dei grandi comunicatori e degli aspersori che si spostano con l'aereo privato: abbiamo consumato tutto quello che la natura ci ha dato sul nostro territorio per sopravvivere un anno ed ora stiamo appozzando alle risorse dei nostri sfortunati fratelli migranti direbbe qualcuno in abito bianco. Abbiamo cominciato a consumare le risorse coltivate su altri territori e prodotte da mortidifame più sfortunati di noi, quelli che continuano a mettere al mondo creature e ce le mandano sulle barchette col beneplacito di tutti gli illuminati predicatori.

Una volta il nostro territorio sosteneva e sfamava un 30 milioni di residenti, poi al duce venne l'idea di ricostituire l'impero e così tolse le tasse alle famiglie con più di 6 figli, poi ci fu il boom industriale del dopo guerra tanto da farci passare al possesso di un auto a testa dopo i 18 anni ed il bobbolo aumentava, aumentava e consumava, consumava, poi ci furono le grandi spese, tipo il cnelle o la pensione di riversibilità dei caporioni lasciata in eredità anche dopo un solo giorno di vita matrimoniale perché sarebbe un gran peccato mandarle sprecate visto le condizioni dei lavoratori che le pagano  e con il debito pubblico che aumenta, aumenta, aumenta....

Vabbé, dai, chiudiamola qui con questa fredda matematica, pensiamo alla grande, continuiamo a distrarci coi nostri sogni, facciamo finta che le guerre che stanno eliminando svariati morti di fame siano iniziate per gioco e non facciano parte di un disegno voluto dai caporioni mondiali volto a una nostra decrescita felice

 

 i soldi contano e durano poco nella vita degli illuminati nullatenenti all'occhi del fisco

9 mag 2024

Vuotate e fate vuotare "Fracatz"

Finalmente un'altra grandissima conquista bobbolare:
 un nome al posto di un partito
era ora ! 
Mi pare pure giusto che in un mondo ormai computerizzato ed aperto a tutti si sia giunti a questo, basta con la burocrazia, la raccolta di firme originali e certificate, le marche da bollo, i timbri, oggi, grazie ai social, si è conosciuti da tutti, tutti, se vogliono, possono ricercare con internet "Fracatz" e leggersi il programma del suo partito degli under 70.000.
Pertanto, basta con le astensioni, con le schede bianche dei precisetti, le schede nulle dei burloni, correte tutti al seggio e scrivete Fracatz (mi ariccomanno con la "T" ed una sola Z) sulla vostra scheda, non ve ne pentirete.   

la donna finalmente pareggia con l'uomo 1 a 1

2 mag 2024

La giustizia umana e il contribuente

Un cittadino sardo condannato definitivamente all'ergastolo viene assolto dopo 33 anni di carcere pagati dal contribuente tajathano.
Sembrerebbe che, come al solito, i bravi investigatori per esser sempre più bravi abbiano influenzato le menti fragili delle persone coinvolte per dimostrare che i soldi spesi dal contribuente sono ben investiti.
Ora dopo tutti questi anni il testimone chiave ha ritrattato ed il condannato è stato reso innocente così, su due piedi, come che nulla fosse, solo che adesso l'innocente vuole esser risarcito dal contribuente tajathano per tutti gli anni passati dietro le sbarre a sognare un futuro radioso ed il contribuente tajathano non viene nemmeno interpellato, o meglio interrogato sulla vicenda accaduta, per vedere se possibilmente si possa evitare di ripetersi in futuro, come in genere fanno quelli del partito degli under 70.000, che, individuato un problema, lo risolvono definitivamente per far risparmiare tanti soldi all'onesto contribuente tajathano. 
In questo caso poi le soluzioni possono esser rese incerte in quanto è strano che una persona onesta si sia ricordata dopo 33 anni di aver testimoniato il falso ed i più sospettosi potrebbero insinuarci il dubbio che condannato e testimone si siano accordati per spartirsi il rimborso dei 33 anni rendendo ancor più difficile la soluzione definitiva del taglio delle mani dei disonesti autori del minuetto, pertanto vedrete che questa vicenda verrà di certo oscurata dagli organi di comunicazione preposti, non sarà come avvenne con Tortora che si fece persino eleggere in parlamento proprio per combattere questi obbrobri.   

in certi posti der monno poi, er contribuente ha un debito inarrestabile 

18 apr 2024

La resa dei conti 2^

Eh mo' so' cazzi so'.
Per NOI contribuenti, corresponsabili di tutti i delitti internazionali, si prevede vita dura, esborsi di euro, ora anche le varie ong e i trafficani del mare ci fanno causa, perché grazie alla favolosa sentenza della corte, salvare i naufraghi e portarli sulla costa libica è reato grave, tanto che er poro capitano della nave thajathana che lo fece è finito in galera con 1 anno da scontare sempre sul gobbo de NOI contribuenti. 
Un anno per aver salvato un centinaio de naufraghi saran di certo tutti bboni meriti per l'aldilà, saranno ed anche per NOI contribuenti visto che, nonostante ci facciam carico de tutti 'sti misfatti, restiamo sempre l'ultima ruota del carro, restiamo. 
Ma un po' de rispetto per chi la mattina s'alza e va a produrre il benessere per tutti sarebbe troppo chiederlo??? 
Come se poi i naufraghi che vengono portati nei porti sicuri c'avessero vita facile e benessere assicurato dalla grande democratica civiltà dei luoghi.
La vedo dura per i giovani e non vedo possibilità di miglioramenti, la civiltà è troppo avanti rispetto alle condizioni di chi è costretto a mantenerla, neanche il partito degli under 70.000 potrebbe fare molto senza rischiare di esser tacciato di fascismo od altre cazzate del genere sparate dalle decine di vari pulpiti acculturati e sparpagliati sul territorio, non resta che aspettare, la resa dei conti è vicina ed azzererà il tutto, facendo purtroppo, come sempre, ripartire i più forti ed eliminando i deboli.

io no pompetto

11 apr 2024

Ambientazione 3

La talea di fico di un anno orsono di cui parlai tempo fa  ha tenuto due vecchie foglie, è germogliata alla primavera ed ha pronti ben 7 fichi da maturare a giugno per i suoi fanatici fan.
Staremo a vedere se ce la farà a nutrirli tutti e 7 e che grado di maturazione riuscirà a portare a termine.









come fa presto er bobbolo a cambià parere,prima voleva oggi se rifiuta

28 mar 2024

Pasqua 2024


Un caro e primaverile augurio di pace e serenità a Voi
ed ai vostri cari

Fracatz
 Restatevene a casa, cribbio, nun fate i fessi !
( Non lasciate che le asperità della vita vi impediscano di godere di una bella giornata di sole o di un picnic sui prati tra uno stuolo di bimbi festosi ). 
 Rallegriamo i nostri cuori perché la bella stagione è in arrivo ancora una volta e poi per Pasqua ogni poeta abbusca e NOI degli under 70.000 sappiamo apprezzarlo.

21 mar 2024

Bandiera bianca e la carta


Ah, bei tempi quelli de "il morbo infuria, il pan ci manca, sul ponte sventola bandiera bianca !",non c'era la tv e neanche la radio né le partite di calcio tra nazionali o altre manifestazioni che interessassero i vari bobboli e ne tenessero vivo il loro sprone  patriottico ma solo l'istinto, l'istinto conservativo delle proprie origini, dei propri costumi, dei propri avi, della propria patria insomma.
Oggi, mi chiedo e con me tutto il bobbolo degli under 70.000, oggi che tutte le nazioni civili hanno la loro costituzione o carta democratica (e la nostra carta è la migliore al mondo), che senso ha per un mortodifame invadere un'altra nazione radendo al suolo tutto il benessere ed impestando i territori con tutte le varie bombette sparate per l'occasione?? Il mortodifame passa la sua vita servendo i caporioni, alzandosi presto tutte le mattine  per adepiere  scrupolosamente la propria missione e per lui o l'uno o gli altri son tutti uguali, restano per sempre i suoi caporioni che rispettosi lo hanno beneficiato della carta.
Il mortodifame forse non è consapevole della sua posizione, magari comincerà ad insospettirsi sul perché di tante morti innocenti tra i suoi coetanei come se i caporioni volessero toglierseli dalle palle per abbassare la popolazione consumistica visto che le risorse su questa palla di merda prima o poi finiranno, ciònonostante ubbidisce ed abbraccia il fucile addirittura rifiutando i bianchi consigli.
Il caporione in bianco però, invece di parlare dal solito pulpito, la prossima volta potrebbe esser più preciso, specificare i nomi ed i cognomi, le quantità di morti tra caporioni e mortidifame e forse allora i mortidifame. confortati dal supporto divino, potrebbero schierarsi dalla parte giusta, la loro e girarsi di 180° per affrontare i loro veri nemici.

il solito tentato femminicidio 

14 mar 2024

10.000 e vai

 

10.000 euri de multa e vaiiiiiii, problema risolto.
Se ci sono difficoltà per gli insegnanti a svolgere il loro lavoro in maniera efficace, allora i caporioni risolvono il problema con la multa, anche se a occhio e croce non si capisce chi dovrebbe pagarla.
Allora, per mio padre l'obbligo di studio finiva alla terza elementare, per me finiva alla quinta, poi fu portato alla terza media, oggi arriva ai 16 anni ma gli acculturati lo vogliono portare a 18 e stabilirlo poi per legge "....L'art. 570 ter[17] del codice penale prevede la pena della reclusione fino a due anni per l'evasione dell'obbligo di istruzione.....".
Probabilmente i caporioni saran tutti acculturati e non avranno fatto un percorso nelle varie scuole statali per non accorgersi che esiste una percentuale di ragazzi che proprio rifiutano lo studio, ma non per difficoltà cervicali, poi c'è anche una parte di minorati e un'altra di violenti che rifiuta qualsiasi tipo di attività riguardosa e moderata nei propri comportamenti.
Ai miei tempi, una parola offensiva verso gli insegnanti era punita con la sospensione e poi per atti impulsivi e addirittura offensivi c'era l'allontanamento definitivo da tutte le scuole statali della patria. Ora ditemi voi oggi come si può fare per avere un minimo rendimento dai soldi che il contribuente butta per l'educazione scolastica ? 
Se un adolescente non può più andare a fare l'apprendista a 14 anni, quando otterrà quel diploma regalatogli ai 18 anni potrà pulircisi il culo se la sua famiglia non è nel giro delle raccomandazioni e vegeterà sul divano di casa perché a 18 anni non si va a fare il ragazzo di bottega. 
Mentre se va a fare l'apprendista lo deve fare al nero col rischio che se poi si fa male l'artigiano rischia il ricatto e la galera e quindi capisco il perché non si vedono più in giro adolescenti con la voglia di apprendere quello che più desiderano per il loro futuro, lasciando le attività artigianali in mano ai migranti che così sostituiranno a poco a poco tutti i mortidifame di origine talica.
Questo col mio partito degli under 70.000 non sarebbe mai avvenuto, NOI da patrioti i problemi che si presentano via via con gli anni li risolviamo in maniera definitiva e con la mente sempre rivolta al bene dei contribuenti

con i soldi del contribuente

7 mar 2024

La resa dei conti 1^

eh lavora tu, che lavoro io,
lavora tu compagno mio 
se lamentaaaavaaa......    (l'itajetta
chi lo pensava mai 
che sen'annavaaa

Si comincia a sentir nell'aria una resa dei conti: il debito è troppo, deve diminuire, non si può continuare a stampare pezzi di carta per finanziarci le spese comunali o regionali che siano, così parte il freno impostoci anche dai probi viri europei che continuano a stupirsi nel vedere come il debito continui a crescere come se potesse arrivare tranquillamente all'infinito.
Quegli stronzi dei probbi viri così in odio agli italianexit continuano a non farsi i cazzi loro, occorrerebbe far intervenire il razzi dell'amico caro e cercare di frenarli con le buone, magari reintroducendo la imu sulla prima casa e rimediare quarche sorderello pe' tirare avanti in allegria per ancora quarche annetto.


29 feb 2024

Mazzate

Che bello quanno che, da studenti, prennevamo ispirazione da quarsiasi fatto nazionale, come “Trieste liberaaa” e nun annavamo a scola, com’erano contenti puro i professori, capirai allora la scola se friquintava puro de sabbato.
Poi venne lui er gran libberale cor divorzio, l’abborto e poi de sera su e giù pe’ li gradini de piazza de spagna cantanno cor pugno chiuso “…er pueblo, unido, jamas serà vensido, er pueblo (er bobbolo nsomma).
Capisco lo sciopero studentesco organizzato dai futuri caporioni ma sarei più interessato ai fatti se armeno se scioperasse pè i tanti guai tajoti e de' spunti ce ne sarebbero quotidianamente: i trattori con le belle ruote, le case che finarmente so state incappottate e se non lasci aperte le finestre te se ariempieno de muffa e poi posson prender foco senza speranza de scappà e poi se proprio proprio ve volete impiccià dei fatti dell'antri ce sarebbero le scarpette d'oro  che venne a 400 dollari quell'antidemocratico d'ortreoceano implicato in tanti processi, soldi ben spesi vista l'edizione limitata e la presa sui cervelli dei mortidifame del bobbolo che in tutti i paesi è sempre lo stesso e necesserebbe assolutamente di esser acculturato

22 feb 2024

Scarpette sì, scarpette no....

Anche quest'anno abbiamo avuto la fortuna di superare l'effetto sanremo e speriamo che la salute ci assista anche per il prossimo anno.
Io come sempre non l'ho seguito, non riesco proprio a sopportare esibizioni troppo lunghe, tantè vero che molte sere, col telecomando in mano e l'occhi sonnolenti cambio continuamente di canale vedendo così pezzetti di tanti film, spettacoli ed altre menate, ormai non sopporto più nemmeno il Mario, le jene o report di cui una volta non perdevo nulla.
Già, è molto difficile rendere interessanti spettacoli troppo lunghi, così quest'anno se son dovuti inventà la storiella delle scarpette da lavoro indossate da un attore che da giovine ballava di sabato sera vestito di bianco però con musica innovativa ed apprezzata a quel tempo, il grande John, pe' l'amici Giovanni e il bobbolo invidioso ha cominciato a reclamà, ma non per il ballo der qua qua, ma pe' la grana che il tizio ha racimolato, come se fosse cosa da tutti poter fare lo stesso.
Poi, son intervenute le altre TV (pagate anche loro dal fabbricatore delle scarpette ??) e così la cosa è andata avanti, tutti a parlà delle scarpette, le scarpette su tutti i canali, da non credersi e persino aggratiss, tanto da riportarmi alla mente la patria dei cachi  
scarpette sì, scarpette no..
se famo du spaghi..

15 feb 2024

Trattori

...ninna nanna, pija sonno, che se dormi nun vedrai...
Che pena passar davanti le scuole che mi ospitarono nel mio percorso scolastico e trovarle sempre più cadenti nel loro aspetto esteriore e per fortuna che furono edificate in tempi in cui gli intonaci erano intonaci e le gare appaltate poi non passavano di mano in mano come oggi, peccato che ancora non esisteva la cortina, altrimenti sarebbero ancora oggi belle e pulite.
Peccato dicevo, perché invece di regalare le facciate agli amministratori condominiali, si potevano restaurare quelle delle scuole, ho visto persino amministratori che hanno fatto fare il cappotto sopra la cortina di edifici che sarebbero stati perfetti in eterno mentre ora i condomini dovranno tenere aperte le finestre per evitare la muffa sulle pareti interne. 
                 ...tante infamie e tanti guai
che succedeno ner monno...
Pazienza, accuntentamoce dei caporioni e tiriamo avanti, eh già, i caporioni coloro che vengono pagati per decidere sul futuro del bobbolo che li sceglie per prendere decisioni che doverebbero esser prese conoscendo almeno i vari argomenti trattati, tipo i trattori e la produzione di cibo.
Soltanto a vedere quelle ruote dovrebbe scattar nei cervelli la domanda: "..catzo, ma quanto costa sostituirle?" e tutti NOI mortidifame che ogni tanto cambiamo le ruotine alle nostre vetturelle ci facciamo quattro conti mentre loro hanno altri grattacapi tipo il doppio direttorato. 
...fra le spade e li fucili
de li popoli civili...
Ora, invece di emanare direttive atte a contenere lo sviluppo demografico su questa palla di merda dalle risorse vicine all'esaurimento, tipo paracadutare giornalmente preservativi su tutti quei territori produttori continuativi, gli acculturati caporioni europei, alla faccia dei loro bobboli che hanno smesso di aumentare la figliatura, si preoccupano dell'inquinamento, obbligano chi coltiva a rinunciare al 5% dei propri terreni, anche se poi ce ne sono migliaia abbandonati e vietano i lumachicidi, perché nessuno di loro ha mai dovuto passare le notti ad ammazzare lumache come facevano i nostri nonni fino a 80 anni orsono per poter sfamare i 30 milioni di umani che risiedevano nella nostra bella patria e così capire che il territorio era a mala pena sufficiente a quei 30 milioni col 90% a raspare con le mani giorno e notte la terra. 

P.s. le lumache escono di notte, poverelle, oppure quando piove  

8 feb 2024

30 allora

...Perchè quer covo d'assassini 
che c'insanguina la terra...
Già, 30 km orari, che bello sarebbe, tutti in fila e frenare in discesa perché non tutte le città sono come Bologna, NOI ad esempio nel centro storico c'avemo pure i  7 colli con relative salite e discese ed in periferia è molto peggio assai. Ricordo ancora da bambino il sogno di poter scalare la salita dei Pisciarelli a Ponte Galeria, famosa perché allora il ciclismo andava forte, forse più del calcio perché premia il valore individuale ed in bicicletta si poteva andare tranquilli anche a Roma in quanto le strade erano le stesse di oggi ma erano percorse da poche auto e camion.
                 ...sa benone che la guerra
è un gran giro de quatrini...
Di Pisciarelli ce ne sono tanti in Italia e qui a Roma la salita sta sempre lì, sulla via portuense prima di arrivare a ponte galeria e ve lo immaginate voi oggi un ciclista su quella salita, con la strada che è sempre quella di 100 anni orsono e con i camion ed i furgoni di amazon che lo strusciano? Io, senza mai farla mi resi conto 40 anni orsono che usare la bici a Roma era pericolosissimo, andando anche a velocità inferiori ai 30 e così rottamai le bici.   
...che prepara le risorse
pe li ladri de le Borse...

Ho sempre invidiato Bologna per i suoi portici e per la sua posizione tutta in pianura che consente l'uso della bici senza esser d'ostacolo al traffico perché anche le bici possono andare a 30 e con le auto a 50 non credo ci siano mai stati problemi.
Comunque passano gli anni ed i caporioni aumentano le grida
senza preoccuparsi di eliminare quelle ormai superate dai tempi, ormai ogni giorno ne esce una nuova per poter controllare la vita dei sudditi come se fossero tutti irresponsabili, deficienti o non normali.  

30 allora e sedili più larghi

1 feb 2024

Australia


Col pensiero fisso sui migranti, sui loro destini, sui loro perché nell'insistere a voler occupare un paesello come il nostro con già 58 milioni di residenti, di cui 50 milioni costituiti da mortidifame consolidati , quando su questa palla di merda esistono paesi immensi e scarsamente abitati tipo la russia o l'australia , mi è scattata quella solita curiosità di capirne la ragione che contraddistingue NOI acculturati. 
Pertanto, scartando per ovvi motivi l'esame della russia, da sempre sfortunata per le troppe fortune inseguite dai suoi residenti, mi son soffermato sull'australia . Paese ignorato fino a 400 anni orsono e poi colonizzato dai soli democraticissimi inglesi, esteso 25 volte la nostra italietta e con meno di 30 milioni di residenti, sembrerebbe il posto ideale per accogliere migranti che invece orgogliosi si rifiutano di naufragare da quelle parti per via che non sopportano proprio lo storpiamento linguistico creato nel tempo dai residenti come rifiuto e dissociazione dai loro colonizzatori.
Storpiamento che si consolida nel tempo e a cui tutti noi abbiamo contribuito, dai nostri nonni che andavano in america a farsi qualche soldo e per comprare lo scolapasta si esprimevano a gesti  "...... stop, stop macarones and the watta pe' terraa..." a quelli di noi più acculturati che per confondersi coi residenti ne imitavano le abbreviazioni ma non la pronuncia, tipo " .... give me a couuk...." scambiando facilmente la coke con il cock, mi raccomando meglio che chiediate una "coucacolaa"-    
Vuoi mettere tu invece il bel pasello dove i dialetti son ormai spariti, la gente cammina coll'aifone in mano, per far la spesa consulta la propria influenzere e per fortuna che non tutti i mortidifame hanno l'asciugapanni elettrico.

a un parmo dar culo mio

25 gen 2024

Ambientazione 2

Questa talea di fico di un anno orsono, ancora non si decide a buttar via le foglie.
Speriamo che prima o poi riconosca la stagione invernale, butti via le foglie e vada in riposo, perché poi dovrà germogliare e produrmi almeno 2 fichi a giugno, visto che lo scorso anno me ne diede 1.
Ho voluto mostrarvi questa talea, perché oggi su youtube ci sono centinaia di video ed altrettanta pubblicità, quindi se volete farvi un alberello non dovete perdere tanto tempo, fate questa talea con ramo radicale di 3 anni ed avrete subito produzione di frutti 


18 gen 2024

Ambientazione

La rosa col freddino campa più a lungo, questa s'è fatta tutte le feste ed ancora resiste.
La pianta la presi per talea da un esemplare nel giardino di mia zia Vittorina più di 40 anni orsono ed ancora non si arrende alle difficoltà della vita, ma ci si adatta abbastanza bene senza darci preoccupazioni e dolori.
Da essa ho generato centinaia di piante donate nel tempo a tutte le mie ammiratrici femmine, ma se qualcuno/a desidera procurarsi piantine di rosa, basta andare sul blog di Sara e con un po' di pazienza potrà fare altrettanto, magari, in mancanza di una zia Vittorina, prima si compra dal fioraio una piantina con il fiore che meglio le piace e poi procede con le talee.

A natale l'alberello di pesche in campagna ha festeggiato con ben 2 fiorellini rosa.
Gli alberi di pesche sono molto fragili, attaccabili da tutti i parassiti, io ormai ho rinunciato  a curarli ed a far loro i vari trattamenti con anticritto ed insetticidi, ma faccio come ai tempi di mio nonno, li poto e li lascio al loro destino, quando muoiono ne ripianto uno nuovo generato da un osso del loro frutto e non hanno bisogno nemmeno di essere innestati.
Chissà che con i cambiamenti climatici cui vedo si stanno adattando fiorendo a dicembre e fruttificando da marzo in poi avranno più bisogno di tante cure, visto che in inverno non ci sono più tutti quei parassiti  estivi?

L'arancio s'è subito ambientato o forse crede di esser diventato come il limone ed ha già i fiori pronti a produrre nuovi frutti vicino alle arance mature.
Vabbè, speriamo bene, speriamo che non ci toccherà pure A NOI ri-ambientarci e perdere così le belle primavere ed estati della nostra vita.







quando muore il proprietario




9 gen 2024

Ricominciamo 2024

Piano piano, pacatamente, come piace A NOI, anche quest'anno abbiamo ripiegato il nostro alberello, incartato le palle e i 5 pupazzetti del presepe ed abbiamo riposto il tutto in cantina per ripresentarlo il prossimo anno, sperando sempre di esserci e sì, perchè anche noi qui in convento, pur supportati da quella tenue fiammella  spirituale che ci prospetta qualcosa di migliore, siamo terribilmente attaccati a questo nostro tristo sacco.
Voglio ringraziare tutti Voi vecchi e nuovi passanti che avete lasciato un augurio di speranza sotto il mio alberello e spero di ritrovarceli il prossimo anno, anche se, specie per i più giovani, sarei felice di sapervi volati via dal web perché impegnati in cose più importanti per la vostra vita od addirittura alle prese con la frustrazione del menage di coppia e diventare genitori.

Duro è il mestiere di genitori, la vita di coppia, duri i sacrifici per chi vive di lavoro, ma è una sfida che abbiamo ereditato geneticamente a dispetto delle varie mode egoisticamente imposte dai media.
Auguro a tutti salute, benessere e serenità interiore:
pronti a ricominciare allora? 
Via, si riparte anche virtualmente.
Ah, dimenticavo, quest'anno le mimose son già fiorite, lo sento dalla rinite allergica che ancora mi sollazza dopo tanti anni,  quindi mettetene qualche rametto in frigo per partecipare alla festa della donna, non siate i soliti caproni e poi vedrete che sarà l'anno buono per donare cuori.