14 nov 2019

Li sordi dei gnoranti pretenziosi

Ogni tanto torna a galla la vicenda del bu-bu-bu-bubbu che alcuni burloni lanciano in coro dagli spalti dei rancorosi stadi dove si gioca a palla. Pare che ci siano persone che tutte le domeniche,  pagano il biglietto proprio per questo, per poter sfogare le loro qualità canore senza percepire alcun compenso, anzi rimettendoci la spesa per il biglietto e per i mezzi di trasporto. Poi ci sono altre persone che si intromettono in questo gioco tra le parti, per riempirci giornali e trasmissioni televisive ingigantendo la cosa per obnubilare le menti dei più estroversi fomentandoli al necessario schieramento da una parte o dall'altra con una delle due oggi riservata ai razzisti fascisti sarviniani. 
Ma una sana risata no, non vi viene spontanea? 
In definitiva, se un artista si degna di scendere in campo per raccattare  tonnellate di quei soldi che quei gentili spettatori sborsano per potersi sfogare come facevano i loro avi  dell'antica roma che frequentavano gli anfiteatri tipo il colosseo, perché mai poi uno si deve lamentare se non viene apprezzato per le sue qualità artistiche? Insomma le tonnellate di soldi che gli passano i buzzurri le apprezza, ma poi si offende se qualcuno che, conoscendo il soggetto, si diverte a farlo incazzare? 
Perché poi, con tutti i problemi che affliggono NOI che produciamo il benessere nazionale,  per decine di giorni dobbiamo sopportarci tutte le cazzate che sparano i vari predicatori che ci tengono subito a dividere gli ascoltatori nelle famose due classi? Ma perché separare sempre nelle due classi? Perché non ci deve essere la terza classe, quella a cui appartengono tutti coloro che se ne sbattono i cojjoni di queste quisquilie e che ancora hanno un cervello autonomo per autoclassificarcisi?
Insomma, anche se fosse vietato per legge fare bu-bu-bu-bubu, quelli poi farebbero cu-cu-cu-cucu perché l'ambiente è adatto per farlo, mica siamo in un teatro lirico e poi mica è detto che viene fatto solo ai colorati di nero, magari in cina lo fanno ai bianchi ed in africa agli indiani ed incazzarsi o meno è solo questione di senso dell'umorismo.
A proposito di classificazioni tanto care ai predicatori, mi sovviene il fatto de Giovanni er pecoraro, così amato dagli educatori dei pargoli per le sue famose raccomandazioni, quando ancora i pecorari non erano solo produttori di latte, ma la sera mungevano e facevano ricotta e formaggi. Così il Giovanni agli avventori che gli chiedevano un po' di ricotta con la scusa di volerla assaggiare rispondeva educatamente senza dividerli nelle famose due classi :
"la ricotta nfuscellata, nun se po dà si nun è pagata" 
e a quelli più invadenti che insistevano: "ma dammela senza nfuscellà" 
lui categorico finiva: "quella senza nfuscellà nun se po dà"

siate sempre consapevoli delle vostre dimensioni, non sottovalutatevi

7 nov 2019

Happy halloween tutto l'anno

Il freddo sta tornando, piano piano, come piace A NOI, e gli insetti cercano in tutti i modi di piazzarsi in casa: cimici, zanzare, tarme, gechetti, bruchini. Magari i più furbi si accontentano di miseri spazi, di intercapedini tra gli infissi esterni ed il muro, però non rinunciano ad un ricovero pensando di poter sopravvivere chissà per quanto: anche loro hanno l'istinto che cerca di preservarli dalla morte, forse anche più grande del nostro essendo loro privi di anima e quindi esclusi dalla vita eterna. Solo le lumache se ne fottono e continuano imperterrite ad arrampicarsi nei miei vasi dove coltivo le fragoline di bosco, che poi ti accorgi della loro presenza dai morsi affamati che lasciano su quei bei frutti rossi e ti addanni a cercare dove si sono nascoste coi loro bei camaleontici camuffamenti. Anni or sono me ne liberavo con un pizzico di lumachicida, e ne salvavo qualcuna buttandola nel giardino del mio vicino che coltiva solo fiori, oggi invece, esasperato dall'impari lotta, mi limito a scovarle ed a schiacciarle con i piedi anche se le fragoline non fanno più gola ai bambini ed io mi accontento di raccattarne qualcuna come facevo da ragazzo, quando me ne andavo per i boschi.
Oh, a proposito di boschi, vi ricordate "Quell'odore di porcini di macchia Somaini ", volevo trasmetterlo al figliolo, appena maggiorenne, di quella brava ragazza di cui vi parlavo una decina di anni or sono e così, con le adeguate attrezzature, non in bicicletta ma con l'auto, lo portai nel bosco. Saranno stati 30 anni che non ci andavo, da quando ci furono le prime invasioni di migranti, a quei tempi dall'est europa, che ci si facevano le baracche trasformandolo in una specie di accampamento variopinto, con mignotte, porchettari e spacciatori e rimasi stupito dalla bellezza del posto, oggi deserto come ai tempi belli, salvo qualche rara bottiglietta di plastica qua e la, però di funghi porcini nemmeno l'ombra ché quest'anno agosto e settembre se ne sono andati senza una goccia di pioggia qui a Roma ed anche se ce ne fossero stati il mio ragazzone mi fece notare che forse non avremmo potuto raccoglierne in quanto il bosco a mia insaputa è stato trasformato in riserva naturale e quindi prima bisogna leggersi tutto il regolamento ed interpretarlo nel dovuto senso facendosi consigliare da un avvocato. Non si possono più tramandare ai giovani gli usi, il gusto delle gensole, le fragoline di bosco, il profumo dei porcini di macchia Somaini, questi ragazzi vivranno di internet e centri commerciali i più disattenti, mentre i paraculi ascoltando attentamente le chiacchiere sulle case ai terremotati, sui servitori dello stato che continuano a strisciare la presenza, sui viaggi alle baleari esposti in nota spese, cercheranno di ripercorrere le orme dei vari predicatori per degnamente rimpiazzarli in futuro in stomaco e vescovado. 

un'idea per il regalo natalizio al vostro fedele compagno

31 ott 2019

Abolito l'Alto Adige

Cancellate per legge le parole "Alto Adige" ed "altoatesino", mentre invece in altri palazzi prima si vota uniti la cancellazione e poi invece si ricorre sempre uniti ad un referendum confermativo le cui spese da accollare indiscriminatamente a tutti i contribuenti. IO del partito degli under 70.000 invece farei pagare codeste spese a tutti i cittadini che si recheranno alle urne o in mancanza di quorum, agli animatori della cosa ché davvero non possiamo più permetterci questi sprechi nelle nostre attuali disastrate condizioni. Non vi sta bene il taglio, però avete votato all'umanità per non perdere il consenso di quei pochi elettori che ancora corrono a votarvi, e vabbé abbozzate, inghiottite e fra 5 anni zitti zitti cambiate la legge e magari raddoppiate gli addetti all'indefesso lavoro per il benessere del nostro caro amato generoso variegato immaginifico bobbolo, che ancora tutti NOI sostiene sulle sue sempre più esili spalle. 
Poi magari ricorrete pure alle piazze a sparar cazzate sempre al nostro amato bobbolo di scarsa memoria e giustificate le spese pazzesche occorrenti e necessarie per possedere un partito, che se veramente il bobbolo avesse memoria avrebbe ricordato che S. Giovanni è lumacaro, mentre invece S. Giuseppe è frittellaro, altro che le inutili chiacchiere. Ormai il bobbolo è evoluto e non si accontenta più delle lumache, necessita di chiacchiere, di influenzer, di predicatori, di anchor man e si rifiuta di capire che con tutte queste chiacchiere il debito continua a salire e, in chiesa, senza soldi non si cantano messe. Il bobbolo vuole essere obnubilato con giuramenti sulla testa dei famigliari, promesse altisonanti, non capisce che uno stato va gestito alla stessa maniera che si gestisce una famiglia, con l'accortezza e la cura del pater familias o meglio ancora dalla mater, quella figura capace di far quadrare il bilancio famigliare anche nei tempi bui, facendo stringere la cinghia quando necessario. Ma come, le entrate della famiglia diminuiscono e tu invece aumenti tutte le prebende dei caporioni al tuo servizio e continui imperterrito a generarne?  Non parli più di quel famoso ente inutile da rottamare, però facendo una ricerca su google ci accorgiamo che sta sempre lì tranquillo e con lui ne scopriamo ancora tanti altri. Fai bene a non parlarne, conosci il tuo bobbolo che ogni cinque anni ti rinnova il contratto e sai che è di memoria assai corta.

ragazzi state allegri che dopo il temporale ancora splende l'arcobaleno

24 ott 2019

Influenze con la laurea

Nella NOSTRA ultima riunione degli under 70.000 siam tornati a parlare della scuola, dei suoi grandi costi e dei danni che provoca nei nostri giovani col supporto di tutti i genitori eh sì, perché i genitori c'entrano , eccome se c'entrano, difendendo sempre e comunque i ragazzi e facendo così il gioco di loro, i professori, deresponsabilizzati nel rilasciare promozioni, ma felici e sicuramente sempre più numerosi. 
Eh quale genitore non si priverebbe di qualcosa per pagare un tutor, un piccolo aiutino per far raggiungere il figliolo al famoso pezzo di carta qualsiasi che un domani magari non lo faccia sfigurare di fronte a colleghi e compagni di partito che lo hanno spinto in parlamento!  
Oggi tutti sguazzano e non è credibile che il marasma non sia stato creato ad arte per venir incontro ai soliti annusatori, a parte quelli ufficiali con tanto di ricevuta fiscale, addirittura c'è chi a pagamento insegna via internet a superare i test di ammissione garantendone l'esito a sole 25 € l'ora su carta ricaricabile, come se tutti potessero superarli nonostante il numero limitato imposto dai gestori dei soldi pubblici. Così il laureificio, per non scontentare i genitori e per sistemare i propri parenti ed amici continua a creare nuovi corsi di pezzi di carta altisonanti ma non profumati, fregandosene altamente del dolore che genereranno nei ragazzi che poi non potranno realizzare il loro sogno creativo. Vabbé, direte Voi, ma mica uno è obbligato a farsi turlupinare se perde anni a studiare cose quando dai sondaggi risulta che gli occupati con quella laurea saranno poi uno 0,5% dei possessori, tanto poi ci pensa il reddito di cittadinanza. 
Ma allora perché tutto questo spreco, perché non tornare alla scuola selettiva visto che oggi i migliori che escono dagli studi utili ce li fottono dall'estero?
Con la scuola selettiva si farebbero grandissimi risparmi: non più test per accedere ai corsi  universitari, non più facoltà inutili ad avere poi l'accesso ad un lavoro e frequenza gratuita a coloro in regola con gli esami. Questi risparmi si possono reinvestire sul futuro dei ragazzi, rivalutando l'artigianato dando la possibilità a chi non è portato allo studio di poter essere affiancato ad un artigiano fin dall'età di 14 anni come apprendista per avere il diritto, una volta maggiorenne, ad essere iscritto all'albo degli artigiani. L'artigiano si prende in carico il giovane minorenne (dopo i 18 anni sarebbe dura offrirsi come apprendista) con una retribuzione concordata tra le parti ma con i contributi e l'assicurazione a carico dello stato come una volta si faceva per il servizio militare. 
In questo modo si riconquistano tutti quei posti di lavoro perduti a favore dei migranti che vengono specialmente dall'est e si pone fine alla barzelletta che non ci sono posti di lavoro per i giovani e che nelle altre nazioni la disoccupazione giovanile non esiste e te credo, qui da nojos, in thaja, grazie alla vanità dei genitori, i ragazzi son tutti uguali, tutti direttori, tutti dirigenti d'impresa o al limite onorevoli a prescindere dal casato di origine.  

contribuisci anche tu a salvare il pianeta e sii solidale con greta

17 ott 2019

Precisazioni sul ritorno all'antico

Contrordine ragazzi vi avevo esortato ad andare in campagna ed apprendere il mestiere dai vecchi, quelli che coltivavano senza mezzi meccanici, ma chiaramente non è possibile spostare gli orologi indietro nel tempo se contemporaneamente non si aboliscono tutte le minchiate legiferate da allora ad oggi. Ad esempio ho appena appreso dal mio vicino di casa che oggi non si possono più bruciare sterpaglie, foglie secche, potature, etc.. senza il permesso bollato da parte dell'autorità competente, l'ho appreso in via amichevole visto la lontana conoscenza e grazie alla quale eviterò guai giudiziari e spese avvocatenziali con tutti gli altri residenti in zona.
Eh sì, perché non si possono chiudere le finestre per quindici minuti, per 3 o 4 volte l'anno in cui si dà una ripulita al giardino, mentre invece lo si fa ogni volta che qualcuno decide di farsi un bel barbeque con gli amici, bisogna andare ad intasare i cassonetti con grande consumo di combustibile da parte degli operatori ecologici che in teoria dovrebbero passare a svuotarli. Insomma un cittadino che vuol far risparmiare qualcosa ai gestori della monnezza e che brucia scarti legnosi deve essere arrestato sul fatto e punito con multe e parcelle agli avvocati, a meno che non si porta in casa gli stessi e li bruci nel camino. Peccato aver demolito il vecchio forno dove mia nonna cuoceva il pane una volta alla settimana e in cui bruciava ecologicamente queste stesse medesime cose con l'aggiunta di pezzetti di legna. 
E se non si può più bruciare le stoppie in campagna, figuriamoci se all'arrivo della volpe che vi ammazzerà tutto il pollame, o se dovessero presentarsi i cinghiali o le istrici a scavarvi tutto l'orto o addirittura gli stormi di uccelli come storni, cornacchie e pappagalli a mangiarvi tutta la frutta e le olive, figuriamoci allora se vi sarà concesso di prendere il fucile e sparare come facevano i miei zii, tutti contenti per quel poco di carne che ricavavano dalla spesa per le cartucce. 
E' chiaro che Voi mortidifame addetti alla produzione non potendovi permettere le spese avvocavvoltoie sareste costretti pure al disonore del carcere, quindi non si può più tornare indietro a quella vita agreste, dura ma al contempo colma di felici eventi quali la nascita della prole con l'aiuto della levatrice o quelle feste nell'aia circondati dai parenti vicini e lontani. Per poter tornare indietro dovrete prima azzerare tutte le minchiate scritte negli anni felici quando quatambiava di più chi le scriveva che tutti quelli che dovevano osservarle messi assieme. Sarà, durissima azzerare tutti i parassiti, quelli che ti vengono a misurare l'altezza del gallinaio e tutti i timbri necessari a realizzarlo, compresi quelli della asl di riferimento, prima di poterci ospitare le famose galline dal cui culo poi tenteranno pure di fregarvi le uova prima che vengano deposte.
Cari ragazzi, una volta tornati alle origini, camperete molto meno, diciamo che gli antichi romani che superavano gli 80 anni erano pochi e di veri filosofi nessuno, troppo avviliti dalle miserie di questa vita.

ragazzi qualora ne dovreste avere bisogno qui lo trovate

10 ott 2019

100 anni de bella vita

Un secolo di vita molto facilitata dalle varie comodità inventate dagli esseri umani proprio per quello: migliorare questa breve parentesi di passaggio su questo pianeta, dopo tante guerre che azzeravano tutto il realizzato, stupide per i mortidifame che erano chiamati a lasciarci le penne, ma che fungevano da controllo demografico per i caporioni che però, quando si accorsero che procuravano più morti tra i civili e quindi anche tra di loro aderirono al pensiero popolare e la fecero finita con lo stroncare le reni degli altri. Cento anni or sono le campagne erano popolatissime perché era più facile sopravvivere come fanno oggi i popoli sottosviluppati senza luce, acqua, gas, telefono, radio, tv, frigo, scaldabagno, lavatrice etc. In Italia c’erano 30 milioni di residenti ed erano troppi poi venne il duce, le bonifiche e per popolare le colonie mise l’esenzione dalle tasse dopo il 7° figlio, cosi mio nonno riprese la ginnastica e da 5 arrivo’ a 7 e come lui tanti altri e nonostante i morti ed il boom postguerra arrivammo alla rivoluzione industriale con 60 milioni. 
Mia madre compro’ in sequenza scaldabagno, frigo, lavatrice, tv, lavastoviglie e poi mio padre la fiat 1100. Noi partimmo già con tutto ed i nostri figli anche coi cellulari i motorini e internet. Abbiamo avuto in dono un secolo da consumatori accontentiamoci perché presto da 60 milioni si dovrà tornare a 30 scannandoci a vicenda perché senza soldi per pensioni e per i vecchi debiti statali mai pagati. Correte in campagna cercate di imparare dai contadini più anziani, quelli senza trattori ed altri attrezzi motorizzati, perché i migranti che arriveranno dalle giungle africane saranno molto più resistenti di VOI. Ma i più pericolosi resteranno sempre quelli delle varie caste anche senza sangue blu, che anche se avrete scavato e messo al sicuro le provviste, sicuramente verranno a cercarvi e con i loro giusti proponimenti legiferati tenteranno con tutti i mezzi di portavve via persino le uova appena pronte nel culo delle vostre galline.
In quanto A NOI che esterniamo pensieri gratuitamente, senza manifestare come i nostri amati ragazzi che regalano il week lungo ai loro insegnanti, NOI siamo al culmine del colle, assai vicini alla vetta e preparati alla caduta.

prima venne Eva, poi dopo tanti mutamenti e sfregamenti comparve Adamo

3 ott 2019

Chiacchiere e fatti

Minchia ragazzi il tempo come vola! Sarà perché col tempo si sente l'inevitabile fine e gli stimoli, i traguardi da raggiungere mancano. Mi pare ieri che scrivevo la storia degli schizzi friddi e invece son già passati quindici giorni, tutti uguali e pensare che in previsione di questo mio appiattimento di vita mi ero dato, creato un traguardo da raggiungere col mio partito degli under 70.000, ma alla luce degli ultimi avvenimenti non so se mi si noterebbe di più se prima mi iscrivessi al pd per qualche annetto e poi facessi una scissione abbandonando questa mia veste dilettantistica. 
Quando si ha a che fare con il potere si deve assolutamente diventare seri, così quando presi dalla foga si sparano cazzate, poi si deve subito incolpare gli altri e poi come puoi pretendere di farti notare se persino il nome del tuo partito manca di patriottismo, ma almeno chiamalo l'italia degli under 70 che qualcuno magari, essendo quarantenne, pensa di poterne far parte. Come puoi pensare che un mortodifame qualsiasi possa riconoscere pubblicamente la sua condizione e addirittura tesserarsi ?
Boh, forse mi si noterebbe di più se andassi al corteo alla guida della mia auto ad idrogeno liquido, che ormai non è più pericoloso e non rischia di esplodere e nessuno sa che per ricavare un litro di idrogeno consumo circa una decina di kilowattora. Ché NOI siam sempre stati ligi alle direttive governative, anzi proprio ieri abbiamo fatto una rimpatriata patriottica, eravamo 8 attorno al tavolo e quando venne il conto il più anziano per non perder tempo ha pagato col suo bancomat poi NOI tutti fuori dal locale porgemmo a lui il nostro bancomat per poter spartire da buoni amici, ma lui non c'aveva la macchinetta per incassare e darci regolare ricevuta.  Così siam dovuti andare al più vicino sportello bancario a ritirà un po' de quel bistrattato contante e darglielo, ché A NOI non piace sbafare pranzi o cene da nessuno che non abbia un reddito almeno over 70.000.

ricordatevi che 200 è il numero giusto 

26 set 2019

Soluzione alla decrescita demografica

Spinti dagli ultimi avvenimenti, ci siamo riuniti col direttivo degli under 70.000 per analizzare a fondo il problema della decrescita demografica che sta facendo impazzire i nostri caporioni sempre al lavoro per il bene del nostro amato generoso bobbolo e che tanto addolora i nostri anziani che non hanno più nemmeno la gioia di giocare con i loro nipotini. Abbiamo così deciso che non è giusto che chi occupa posti di lavoro dal reddito superiore ai 30.000 annui se ne debba fregare del suo futuro e di quello di tutto il belpaese evitando di generare prole per potersi egoisticamente godere i suoi soldi senza pensare che un domani la mancanza di crescita demografica lo priverà della sua pensione, anche se lui pensa di morire prima grazie alla vita di baldorie che conduce e se poi non dovesse morire e senza giovani al lavoro per pagargli la pensione ricorrere come tutti gli scialoni dalle mani bucate alle mense sociali. Basta, sarà istituita la tassa sulla mancata procreazione su tutte queste persone maschi o femmine che siano, tassa diminuita al primo figlio ed abolita al secondo. Per chi invece arriva a generare il terzo figlio o più, si pagheranno assegni famigliari di 200 euri a figlio per redditi fino a 30.000 e 100 euri fino a 50.000.
Tali assegni saranno pagati fino ai 20 anni e poi in caso di università si avrà l'esenzione dalle tasse universitarie finché in regola con gli esami nel corso scelto. Per coloro non portati allo studio a partire dai 14 anni e fino ai 20 avranno l'esenzione dal pagamento dei contributi sociali purché dimostrino di essere al servizio di un artigiano per la cui retribuzione si siano accordati tra di loro, resta il fatto che dopo 3 anni di apprendistato il cittadino può rivolgersi all'albo ed ottenere l'iscrizione nella specialità scelta: falegname, muratore, barbiere, macellaio, elettricista, idraulico, orologiaio, ombrellaio, spazzacamini, idraulico, sarto, etc.. etc..
Qualora poi la coppia risultasse sterile potrà provvedere adottando bambini abbandonati. 
Chissà se si cominceranno a rivedere quei bei mestieri di una volta in mano ai nostri ciusi bamboccioni (antica definizione molto condivisa negli ambienti accreditati), invece che riservati esclusivamente agli extracomunitari.
E con questo ecco analizzato e risolto definitivamente, come è uso del nostro partito degli under 70.000, un gravissimo problema che attanaglia la nazione tutta ma che interessa solo a chiacchiere gli amati eletti caporioni del nostro caro variegato generoso immaginifico bobbolo, che tutti NOI continua ancora a sostenere sulle sue purtroppo sempre più esili spalle.

quando si rideva veramente con poco   

19 set 2019

Eh aridaje co' 'sti schizzi friddi

Ché una vorta se moriva e a volte se risuscitava proprio prima de esse messi nella cassa. 
Ricordo da bambino la storia di un nostro avo, riportato in vita proprio dagli schizzi freddi dell'acqua, che messosi seduto si rivolgeva al prete per farlo smettere dall'aspergere l'acqua santa con quella frase. 
E fu da allora che tutti i miei parenti più anziani, gli zii i nonni si raccomandavano  di chiedere al medico di accertarsi sempre della morte del defunto con una iniezione letale perché in famiglia a volte si risorgeva. 
Mo' i parenti più anziani son tutti andati ed a me me pare eccessivo, poco moderno, molto di destra mettermi a predicare verso le mie giovani discendenze l'accortezza dell'accertamento e poi oggigiorno l'educazione è autogestita, i giovani non hanno più bisogno di essere educati, i genitori preferiscono passare per amici, compagnucci ignorando che i caratteri degli umani si formano nei primi otto anni di vita, poi è tardi, scende il rispetto, ti puoi beccare il vaffanculo come tutti i compagnucci ed allora è meglio sorridere ed abbracciarsi che al resto ci penserà il fato.
Insomma oggigiorno l'educazione è autogestita ed ogni essere umano è poi artefice dei suoi traguardi. 
Ben si raccomandava mia mamma, il signore l'abbia sempre in gloria, di stare attenti agli estranei, a non prendere caramelle dagli sconosciuti sorridenti, caramelle perché allora i gelati costavano e figuriamoci le cene al ristorante e ben li ricordo quegli occhi su quelle labbra sorridenti, due occhi malvagi di quel tizio al volante di un'auto quando al massimo si aveva la bicicletta ed io che si e no avrò avuto dodici anni e il foglio da cinquemila lire, quando allora la paghetta settimanale era di cento lire ed il vaffanculo che si beccò dal sottoscritto. Grazie mamma per avermi educato, che a quei tempi già ad otto anni si andava a scuola da soli ed io ci accompagnavo anche due bambine della nostra vicina di casa, tenendole per mano.
Oggi a quindici anni ancora le creature vengono accompagnate dai genitori che poi quando smetteranno di accompagnarle, staranno sempre col patema d'animo in attesa del loro ritorno, oggi anche le femminucce se mbriacheno, fumicchiano, sniffano, giocheno coi sentimenti e con i cazzi senza tante inibizioni, però non sanno riconoscere il bene dal male, gli occhi malvagi, dalla bontà degli altruisti, facendo stupire i dispensatori mediatici di saggezza per quanti cosiddetti femminicidi ci sono in un anno, tanto che ormai il termine è nel vocabolario. Si usciva da soli con l'altro sesso solo se c'era già un anello al dito, non esiste amicizia confidenziale tra uomo e donna ci può stare del sesso consapevole senza  giocare però con i sentimenti, ma questo può avvenire dopo i 50 anni quando ormai ci si riunisce per il burraco.
Bisognerebbe spiegarlo in televisione questo fatto dei femminicidi e smetterla di piangerci sopra o di stupirsene, si tratta di omicidi dovuti all'atmosfera dei tempi moderni, anzi, già ne parlammo, speriamo che per parità si ricominci anche a discutere degli omminicidi

andate a partorire le pargole dove c'è il clima migliore per i vostri desideri

12 set 2019

I costumi cambiano

Ultimamente, parlando con dei vecchietti dell'ospizio che vado a trovare nei giri di propaganda del mio partito degli under 70.000 ne ho trovati sempre di più rammaricati per la disgregazione della classica famiglia di una volta, insomma i giovani non si fanno più la loro bella famigliola ed interrompono le discendenze, privando gli anziani della gioia di stringersi un nipote o di raccontare le belle favole di una volta.
Molti sono ricorsi proprio all'ospizio nauseati dai comportamenti dei loro amati figlioli, che poi, visto che i maschi non sentono più la necessità di mettersi un anello al dito è chiaro che anche per le femmine più desiderose si restringono le possibilità di coronare i loro sogni  per mancanza sul mercato di disponibilità dell'altro sesso. Volendo analizzare il fenomeno come in genere facciamo NOI del partito degli under 70.000 per tentare di porvi la solita soluzione definitiva, siamo andati a verificare i comportamenti, gli stili di vita tra i due sessi negli ultimi cinquant'anni per capire che cosa sia cambiato. Certo molto è dipeso dalla raggiunta parità tra i due sessi, specialmente nei rapporti intimi tra gli umani, le femmine scopano più facilmente fin dall'adolescenza ed il maschio ancora con il grande istinto impollinatorio, vista la disponibilità dei fiori, non ha più la necessità del fiore fisso e così il matrimonio, il vecchio caro remedium concupiscentiae, non è più un suo bisogno primario.
Ora, escludendo le bellissime fate privilegiate dalla natura, circa un 10% della massa femminile che continua a disporre dei beni ricevuti nella maniera usuale creandosi il solito radioso futuro salvo rari casi di ignominiosa imbecillitudine in cui un nano coi soldi resta sempre e solo un nano, le 80% di normali sono le più esposte alla sofferenza e non riescono magari a realizzare neanche il loro istinto di maternità, mentre per il restante 10% di cesse non cambia nulla, anzi oggi, visto la grande disponibilità a darla via delle normali, devono accontentarsi solo dei rifiuti. Sembrerebbe un problema a prima vista irrisolvibile, ma prendendo in esame il continuo arrivo di derelitti diversamente colorati, però di certo ben forniti nelle parti basse, si potrebbe verificare il caso che l'80% delle normali cominciasse a concedersi a costoro, facendo così mancare la materia prima all'altro sesso, l'impollinatori, quelli che stanno bene così, senza anelli al dito, che se iscrivono pure a tutti i siti esotici,  senza rotture de cojoni, sempre egoisticamente senza mai privarsi dell'ultimo oggetto espresso dalla società dei consumi, la moto, la maghena, il cellulare, le vacanze esotiche, etc.  Oppure qualora sembrasse troppo avanti il movimento di quelle che la danno solo ai diversamente colorati, potrebbe questo 80% fondare un altro movimento, certamente più in ed iniziare a concedersi solo A NOI che portiamo l'anello al dito da sempre, affamando così tutti i loro coetanei maschi tanto da farli scendere dai loro troni e renderli a più miti consigli: la fica deve tornare ad avere il suo valore e non può più esser data ai mortidifame, così, aggratiss, ne va per il bene del nostro bobbolo e la nazione tutta. 
Questa decisione sarà messa nel programma del nostro partito    

ragazzi considerate sempre le calorie e il massimo consumo ottenibile