25 set 2014

La fiducia

Er bobbolo nun se fida, nun spenne, nun ascolta le chiacchiere dei suoi caporioni che pur generosamente si sceglie sempre tra i più ottimisti, gli sparaballe, er bobbolo inzomma arrisparambia.
Ma allora cosa deve da fare questo brav'uomo per aumentare le entrate così necessarie a garantire gli incrementi di reddito a lui ed ai suoi fedeli? Non potendo continuare a stampare btp che già fanno aumentare il debito di 100 miliardi all'anno, alla fine si dovrà decidere a sequestrare una parte di questi risparmi che giacciono inoperosi nelle banche, un'operazione già fatta a suo tempo dall'amato, che però poi restituì la cifra ché a quei tempi ancora si stampavano le lirette.
Purtroppo la fiducia non si può pretendere così, su due piedi, la fiducia va coltivata, giorno dopo giorno, ad esempio domenica 21 c'era lo sciopero dei ferrovieri, io dopo aver bighellonato per porta portese ero alla stazione di Trastevere in attesa del treno per Fiumicino assieme a tanta brava gente con le valigie pronta per partire. Come è possibile che sul quadro degli annunci il treno in partenza alle ore 12,51 solo tre minuti prima viene annunciato che avrà 20 minuti di ritardo? Ma ti pare a te che quelli che manovrano il tabellone non sapevano di questa cosa? I treni mica vengono dal cielo, se aveva 20 minuti di ritardo di certo si sapeva già da 20 minuti visto che non era passato dalle stazioni precedenti. Panico tra coloro che dovevano prendere l'aereo, ormai non conveniva più andare al taxi, perché le auto impiegano di più del treno per raggiungere l'aeroporto. Certo se avessero chiesto una consulenza io avrei consigliato comunque di andare al taxi perchè 20 minuti di ritardo significa che la corsa poi verrà annullata, perchè la corsa successiva di domenica avviene dopo 30 minuti e mi pare strano avere 2 treni alla distanza di 10 minuti.
Difatti le cose andarono come previsto dal consulente e senza alcuna segnalazione il treno si presentò a Trastevere con 30 minuti di ritardo, cioè avevano saltato una corsa.
Ora io non so il perchè di questo tipo di comportamento: 
Hanno paura di perdere i clienti e quindi minimizzano gli inconvenienti?
Sono delle grandissime teste e si divertono a far perdere l'aereo alle persone?
Sono i soliti thajani pressapochisti?
Di certo questo è il loro comportamento abituale, quando potrebbero facilmente comunicare in tabellone l'orario del prossimo treno disponibile, cosa che credo accada sempre in germania e accadeva tanti anni orsono anche qui da nojos. 
La fiducia è una cosa seria , recitava un carosello anni orsono, pertanto credo che al brav'uomo rimanga solo l'opzione di prelevare direttamente in banca, come già fatto recentemente a Cipro da altri responsabili, anche picckè l'arroganza è così elevata che ci si ostina a non voler sfruttare le risorse autoctone proprie dell'immaginifico.

Qui invece una delle tante amiche, amici, che hanno diritto ad incrementare per legge . 


6 commenti:

Lorenzo ha detto...

Diritti dei lavoratori.

Giulio GMDB© ha detto...

I problemi dei viaggiatori non sono problemi dei tabellonisti. Menefreghismo imperante...

giovanotta ha detto...

ho bazzicato quel 'trenino' per diverso tempo e credo che lo sciopero non c'entri niente, ogni tanto succedeva, la sensazione era quella a volte di essere nelle mani del signore e personalmente mi meravigliavo quando era tutto in orario (comunque non è tra i peggiori treni regionali, anche perché appunto destinato anche ai viaggiatori per l'aeroporto)..

giovanotta ha detto...

ma dico, hai visto il servizio di Iacona sui mezzi a Roma e limitrofi, le file sulla Colombo la mattina ecc. e PER CONTRO i mezzi a Parigi, che pobuonadoci ser vogliamo costruire autobus e autovetture darebbe lavoro a parecchi operai oltre che utili all'imprenditore???
machettelodicoafa
abbiti sempre e comunque una buona domenica

Lorenzo ha detto...

Si facciamoci insegnare dalla Francia come fare i treni, l'ultima volta li hanno fatti troppo larghi tanto che non entravano nelle stazioni più vecchie e quindi hanno dovuto rifare le stazioni, con un bello spreco di soldi.

La differenza tra l'Italia e la Francia è che l'Italia mette in piazza tutte le magagne, per vecchia abitudine "sinistra". Adesso che c'è il Caro Leader al potere vedrai che, come dice lui, passeremo da "Paese finito" a "Paese infinito".

giovanotta ha detto...

oddio ma che ho scritto? va bé guarda l'ora, praticamente quella in cui Lorenzo si alzava :)

@Lorenzo
avranno pure costruito forse qualche treno male, non lo so, lo apprendo da te.. ma a me 12 o 13 linee di metropolitana, oltre ai treni speciali (linea rossa da ovest a est della città) agli autobus, credo anche i tram, che collegano tutta la città e la città con la banlieu, beh un po' mi sconvolgono..
che poi pare che a Berlino le ccose siano anche migliori..
ma loro sono francesi e tedeschi. Quanti film ancora me deve fa ancora Salvatores per tirarmi su?..
statevi tutti bene, buona settimana