05 giu 2009

Calo de possanza


-          a Fracà beh, che farai domani, rinverdirai i bei tempi de cicciolina: hai visto quante veline e quanta bella fica che ci hai da sceglie….. ?

-          èhè che me so impigrito, non amo le code e poi l’argomento non mi attira più come una volta, ormai ciò la papite: me piace leccà, odorà, smanettà, robba platonica ovvi’aaa…., robba che, mancando la possanza,  se po aggiustificà solo con quarche ber regalo. Però vabbè m’hai convinto, m’arzerò presto domani, perché nun amo le code, e pe’ arinverdì li tempi belli ce mannerò na velina.

-          a Fracà, ma allora …Emanuele… o mejo er Mastellotto?

-           Orc…., già, allora sarà mejo che metto la sveja, darò fiducia ai giovani ed in omaggio alla bon’anima der mi nonno monarchico ce mannerò er tanghèro, ce mannerò.

2 commenti:

mircomirco ha detto...

Anche mio nonno era monarchico...
E si ritrovava per casa figli comunisti...
Ma erano altri tempi...

salutone!

fracatz ha detto...

Eh, belli i tempi andati, grandi ideologie, grandi idee: 20 anni fa ho visto piangere dei socialisti quando si accorsero che il loro leader maximo era supriore (ma di molto) agli odiati ed ipocriti demo-cristiani.