08/set/2011

La vera canoscenza

Oggi, chissà perchè, mi torna in mente Massimo, un caro ragazzo compagno di scuola media e di tanti giochi all'oratorio, amici come si può esserlo a 12 anni, eppur per certi versi, lui, già consapevole. Quando si parlava del futuro, tutti cavalcamo i soliti sogni, medico, avvocato, pilota, notaio, professore, calciatore, etc.., mentre lui era certissimo: commesso alla camera. Chiaramente noi si restava allibiti, ma come, commesso, un mestiere povero, ma poi in camera, ma cos'è sta camera: un negozio, una camera da letto per ricchi? E lui zitto, non andava oltre, lasciandoci nella nostra curiosa ignoranza o se vogliamo al lento cammino della nostra conoscenza.  Passati gli anni ebbi la fortuna di poter avere tra i miei clienti, proprio la camera, fortuna, perchè, usufruendo della buvette di servizio (riservata ai sottoposti) potei risparmiare un sacco di soldi per il pasto e reincontrare il mio compagno Massimo che così mi chiarì tutto sul fatto del commesso.
Date ai vostri piccoli le informazioni utili, le vere canoscenze  per prepararli al meglio alla vita tajana.

un omaggio alle care lettrici ossessionate da qualche chilo in più

12 commenti:

PrimaoPoiCresco ha detto...

Che tristezza !!! ... soprattutto Seneca ... usato in tale contesto ... ma dico!!!   ... però che "brutta gente" frequentavi da giovine

Strafoghella ha detto...

Io rimango sempre piacevolmente stupita dalla sua immensa canoscenza, fraticello.
Ho bisogno di redimermi, il convento ha una stanza libera?

iosempreio ha detto...

non so perché, ma mica mi è' simpatico, 'sto compagno massimo.

N1colesda ha detto...

Sempre più convinta che della vita non ho capito un cazzo! p.s. ma il tuo amico-commesso potrebbe devolvermi il suo 5 per mille?

Oidualc ha detto...

Al tuo amico Massimo è toccata una LUSSUOSA CAMERA,
a me un ANGUSTO CESSO!!!!!!!!!

Saluti saccheggiati

aurelianobuendia ha detto...

maledizione dovevo pensarci prima e a quest ora  sarei stato anche io commesso alla camera.
Che corazziere al quirinale non potrei mai per manifesti limiti fisici.

giovanotta ha detto...

Massimo ovviamente figlio di un commesso alla Camera..
ma da bambini uno che ne sa
poi, dopo... che i dipendenti (dal commesso alla stenografa in su) prendessero un botto di soldi si sapeva.. una volta, in illo tempore, ho rosicato pure io per non aver fatto un concorso in tempo, ma erano appunto altri tempi..
adesso mi sa che la pacchia se non è finita sta per finire..
anzi fossi in loro mi parerei la (anagramma)

ciao
:)

lucelu ha detto...

Consideriamo la nostra semenza:
fatti non fummo a viver come bruti...

blanca.mackenzie ha detto...

e io che credevo che i commessi piegassero camiciole nei negozi...
son le schiene che piegano
e non per fare riverenza!
salute a te, o fra'

gmdb ha detto...

Nell'epoca delle ghigliottine che si avvicina insieme alla crisi, non so se vorrei trovarmi alla Camera quando il bobbolo incazzato capirà che con le raccolte di firme su internet non si ottiene un cazzo ma ci vuole qualcosa di più drastico...

mircomirco ha detto...

quelli che lavorano alla camera sono bravi ad incamerare?

Scemenza della giornata

Oidualc ha detto...

Saluti saccheggiati a tutti i CAMERIERI DISOCCUPATI!!!!!!!!