6 feb 2020

La necessità

A volte come nella foto è chiara, lampante, altre volte invece mi sforzo e cerco di capire, entrare nella psiche del soggetto per captarne i motivi, le necessità di gonfiarsi le labbra in quel modo da avvicinarle molto nelle loro sembianze ad altre labbra, oggi rigorosamente glabre, ma ancora nascoste in pubblico e tenute al buio per buona parte della giornata. Ecco, visto poi che la percentuale delle femmine rimane sempre in quel misero 10%, perché le donne con scarsi ormoni e desideri fornicatori, alcune addirittura in menopausa, esagerano nel voler procurarsi quel gonfiore e mostrarlo orgogliosamente anche dagli schermi televisivi?  Niente niente volessero sfruculiare gli appartenenti all'altro sesso solo per ricordare chi è che comanda e gestisce la cosa tra tutti NOI appartenenti al ceto dei mortidifame? Sarà come per le sirene, che sappiamo tutti che non esistono se non nella fervida immaginazione di NOI sognatori, eppure c'è ancora qualcuno che si incazza perché qualche sognatore se le immagina nere, oppure gialle, cremisi, ocra a seconda delle stagioni e vorrebbe imporre il suo colore, il bianco su tutti gli altri sognatori. Ma un giorno, magari tra mille anni, si arriverà a capire tutto secondo Voi? E quando lo scibile sarà proprietà di tutti gli esseri umani, che razza di vita sarà la loro? 
Accontentiamoci delle nostre certezze oggi che il cellulare praticamente siamo noi, la nostra identità e che siamo in europa con trenta lingue diverse e migliaia di dialetti, altro che Babele, ma con alle spalle milioni di sardine che si batteranno per sistemare il tutto risolvendo i problemi cantando bella ciao e marciando con il braccio teso per ingannare i migliori esperti in ballistica. E poi che tristezza quando tutti i misteri saranno risolti e non si potranno più avvitare i capezzoli alla propria compagna, sporgenti sotto la maglietta aderente e senza reggiseno per controllare se la mattina gli aveva fatto la punta come al solito e come raccomandato dalle migliori griffe internazionali.

e gli studi vanno avanti svelando cose da non credersi

Nessun commento: