12 nov 2020

Bambinoni capricciosetti

immagine linkata da globalist.it
Finalmente è finita 'sta commedia infinita, finalmente 'sto presidente è stato eletto e si potrà tornare alla normalità: non credo esista altra nazione al mondo dove in tutti i media si dà più importanza ai fatti che accadono al di fuori dei propri confini, solamente per obnubilare le menti del nostro caro, amato, generoso, variegato, immaginifico bobbolo. Negli States della nostra amata patria si vede in TV solo il papa mentre compie qualche opera misericordiosa o quando si affaccia a benedire la folla. Finalmente è finito questo balletto elettivo che questa volta pareva eterno, perché lì i caporioni ci tengono a difendere gli interessi dei loro elettori e si attaccano con i denti alla poltrona solo per quello, rinunciando persino alle prebende, di cui, in genere non hanno bisogno, mentre qui da nojos è tutt'altra cosa, come ci ha confermato quel bravo ragazzo, messo lì dai suoi seguaci proprio per chiudere quei famosi porti, per loro troppo accessibili, troppo sgangherati ed invece lui, al contrario di trump, dopo qualche mese se ne va, fregandosene del bene del suo amato bobbolo che lo vota, pensando solo al suo di benessere, ubriacato dal facile consenso che lo porta a sognare il possesso del mondo intero e così riportando a galla i nani, i fascisti, i comunisti, i famosi uomini del fare insomma, interpretando così alla lettera non la chiusura dell'isola, ma l'eroe di Lampedusa, il principe, felice che tutto tornasse come prima. Certo se avesse stretto i denti tenendo chiusi i porti, poi alle prossime elezioni avrebbe avuto lui la maggioranza assoluta sui five star e magari continuato con serie riforme, anche costituzionali per risvegliare questo ormai morto paese, disintegrando tutto il vecchio marciume, compreso il MIO partito degli under 70.000 ed invece no, siam tornati agli anni 80 quando si scendeva in piazza al grido di Roma ladrona.

5 commenti:

fulvio ha detto...

Al uomo con il Rosario non è bastato latrare che chiudeva i porti ma doveva chiuderli, non è bastato ringhiare che avrebbe spedito a casa loro 500mila clandestini senza cacciare nessuno. Tante parole e tantissime felpe ma niente fatti. Ritenta sarai più fortunato.
Ciao fulvio

silvia ha detto...

che buffone!

UnUomo.InCammino ha detto...

La cosa buffa, grottesca, vedo qui sopra i commento di due compagni, e' che da una parte essi hanno imbastito, per lustri, quella parte di stato sovversivo, antidemocratico, rossastrognolo noto nei paesi anglofoni come Deep State,di tessuto normativo, di castrazioni, di svuotamento del buon senso e delle volonta' popolari non sinistre e dall'altro si beano, contenti, dei fallimenti di coloro che hanno tentato, in modo pio e spesso folcloristico, riformistico (come se la merda di potesse riformare, tanto per citare il comico genovese che ora li sostiene) di cambiare qualcosa.

La signora Sara evidentemente non percepisce il grottesco da parte del partito per il quale ella nutre simpatie, ad esempio per l'altro Matteo.

Il signor Fulvio sara' ancora uno di quelli che per risolvere le migrazioni di massa pensa che da una parte e' necessario farne arrivare a piu' milionate possibili e poi... (gia', l'intelligenza) poi bisognerebbe "spedirne a casa" un paio di autobus al mese.

Gia'.

pasqualedimario ha detto...

a Frà su kotiomkin de feisbuc è uscita una slaid che diceva che salvini ha fatto la scelta migliore della sua vita quando mbriaco al papeete ha mannato in der posto a conte perchè poi se se sarebbe ritrovato al governo con il caso del sacracoronavirus.
sai che sfacelo.
che peccato che su sto blogghe non se possano mette le figure.
a Frà fusse iconoclasta ?
libberamus

fracatz ha detto...

io questo però nun credo,
iconoodiante proprio nuncredo,
cià sempre i santini, le statuette, prega sempre frecannosene della Qibla